A- A+
Esteri
Giappone-Filippine, alleanza più forte: firmato il patto di difesa anti-cinese

Giappone-Filippine: firmato il patto di difesa anti-Cina

Giappone e Filippine hanno firmato un accordo difensivo che consentirà l'accesso delle rispettive forze armate ai territori dei due Paesi. L'accordo è stato firmato oggi dai ministri degli Esteri dei due Paesi, Yoko Kamikawa e Gilberto Teodoro, a margine dell'incontro dei ministri di Esteri e Difesa nel formato "2+2" in corso a Manila. I due Paesi avevano iniziato a negoziare l'accordo lo scorso novembre, e fornisce alle forze armate dei due Paesi un quadro per la conduzione di attività di addestramento e altre operazioni congiunte. 

LEGGI ANCHE: Salari a livelli record, il Giappone alza i tassi per la prima volta dal 2007

I presidenti di Stati Uniti e Filippine, Joe Biden e Ferdinand Marcos Jr., e il primo ministro del Giappone Fumio Kishida, hanno tenuto l'11 aprile a Washington un vertice culminato nella pubblicazione di una "dichiarazione di visione comune", e nell'impegno a rafforzare strutturalmente la cooperazione tra i tre Paesi a livello regionale. Nel documento, i tre leader hanno espresso "gravi preoccupazioni per l'atteggiamento pericoloso e aggressivo" della Cina nel Mar Cinese Meridionale, e per le sue "attività di militarizzazione" unilaterale degli arcipelaghi contesi nella regione sulla base di "rivendicazioni marittime illegali". Durante il vertice - il primo di sempre tra leader dei tre Paesi - sono state concordate una serie di iniziative, a cominciare dal sostegno agli sforzi di modernizzazione della difesa delle Filippine e da un piano per condurre una manovra congiunta delle forze navali intorno al Giappone nel 2025. 

Stati Uniti e Giappone hanno promesso inoltre maggiore assistenza alla Guardia costiera delle Filippine per rafforzarne le capacita', e come anticipato da Marcos prima di partire alla volta di Washington, i tre leader hanno annunciando l'istituzione di un dialogo marittimo trilaterale per migliorare il coordinamento tra i rispettivi Paesi. Nell'ambito delle misure tese a migliorare l'interoperabilità delle rispettive forze navali, un pattugliatore oceanico della Guardia costiera degli Stati Uniti accoglierà a bordo membri delle guardie costiere giapponesi e filippine durante una missione di pattugliamento quest'anno. Oltre a promuovere tali esercitazioni e addestramenti navali congiunti, i tre leader hanno concordato l'organizzazione di un'esercitazione trilaterale di risposta umanitaria e ai disastri col coinvolgimento delle marine militari dei tre Paesi

All'inizio del vertice tenuto alla Casa Bianca, Biden ha voluto ribadire il "ferreo" impegno degli Stati Uniti ad assicurare la difesa delle Filippine e del Giappone in risposta alle manovre aeronavali della Cina nel Mar Cinese Orientale e Meridionale. Il presidente delle Filippine Marcos ha definito i colloqui di ieri "storici", ma ha avvertito che il vertice trilaterale "può essere solo l'inizio. Affrontare le sfide complesse del nostro tempo richiede sforzi concertati da parte di tutti". Kishida ha affermato che "la cooperazione a più livelli tra alleati e Paesi simili e' essenziale se vogliamo mantenere e rafforzare un ordine internazionale libero e aperto basato sullo stato di diritto".

In un momento di difficoltà per le Filippine, sotto crescente pressione da parte della Cina per il controllo della secca di Second Thomas nel Mar Cinese Meridionale, i leader hanno sottolineato il loro fermo impegno a tutela del diritto internazionale e dei diritti sovrani degli altri Stati. Biden ha ribadito che qualsiasi attacco contro aerei, navi o forze armate filippine nel Mar Cinese Meridionale farà scattare il trattato difensivo di lunga data in vigore tra Washington e Manila. L'amministrazione del presidente Marcos ha assunto una linea di aperto contrasto dell'attività cinese nelle aree contese del Mar Cinese Meridionale, e sin dal suo insediamento ha impresso una decisa svolta alla politica estera dell'ex presidente Rodrigo Duterte, segnalando un più deciso allineamento agli Stati Uniti nel contesto del confronto geostrategico sempre più serrato tra Washington e Pechino. 

Oltre a concordare il potenziamento della cooperazione nel campo della sicurezza marittima, i tre leader hanno ampliato l'ambito della cooperazione trilaterale ai progetti economici legati alle infrastrutture, alle catene di approvvigionamento e all'energia nelle Filippine. Il più importante di questi progetti, che figura in cima alla dichiarazione congiunta pubblicata ieri, prevede il sostegno di Stati Uniti e Giappone allo sviluppo di un corridoio economico sull'isola più popolosa delle Filippine, Luzon. Il piano dovrebbe migliorare la connettività tra Subic Bay, Clark, Manila e Batangas tramite "progetti infrastrutturali ad alto impatto", tra cui la modernizzazione dei porti e delle ferrovie. Washington e Tokyo sosterranno anche l'accesso delle Filippine a tecnologie all'avanguardia, come quelle legate ai semiconduttori e ai sistemi di comunicazione senza fili, e alla transizione verso un comparto energetico a minori emissioni di carbonio, offrendo a tal fine programmi di formazione per decisori politici, scienziati e ingegneri nel comparto dell'energia nucleare






in evidenza
"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto

L'artista accusato di revenge porn

"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Renault Rafale: l'auto ufficiale della presidenza della Repubblica Francese

Renault Rafale: l'auto ufficiale della presidenza della Repubblica Francese

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.