A- A+
Esteri
Il Mossad addestrò Mandela in Etiopia nel 1962

Gli agenti del Mossad, i servizi segreti israeliani, che operavano in Etiopia nel lontano 1962, a loro insaputa addestrarono Nelson Mandela nel corpo-a-corpo, nell'uso delle armi e nel sabotaggio. Lo afferma un documento dell'Archivio di Stato israeliano reso pubblico ieri, a pochi giorni dalla scomparsa dell'eroe della lotta anti-aparthaid.

Si tratta di una lettera di un ufficiale del Mossad al ministero degli Esteri, datata 11 ottobre 1962 e intitolata "La Primula Nera" che ricorda una conversazione nella quale "discutemmo di una recluta in Etiopia chiamata David Mobasari, della Rhodesia". "Il succitato veniva addestrato dagli etiopi in Judo, sabotaggio e armi", proseguiva il documento.

"Primula Nera" era il soprannome dato all'epoca a Mandela, quando era latitante in Sudafrica, durante la lotta per la liberazione. Secondo il quotidiano israeliano Haaretz, che per primo ha riportato la notizia, il termine "Etiopi" era probabilmente il nome in codice degli agenti del Mossad israeliano in Etiopia. "Salutava i nostri uomini in ebraico 'Shalom', conosceva i problemi della diaspora e di Israele e dava l'impressione di un uomo colto", recitava ancora la lettera.

 

Tags:
mandelaetiopiamossad
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Maserati svela la nuova GranTurismo

Maserati svela la nuova GranTurismo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.