A- A+
Esteri
Il Regno Unito riapre, via mascherina e distanziamento ma i contagi crescono
Boris Johnson Lapresse

L'epidemia di Covid ha ripreso a correre nel Regno Unito a causa della variante Delta ma il premier britannico, Boris Johnson, ha annunciato per il 19 luglio la riapertura dell'Inghilterra. Via l'obbligo di mascherina e i limiti alle interazioni sociali; non sara' piu' richiesto lo smart working. Inoltre, riapriranno tutti i pub, locali notturni e discoteche, senza limiti al numero di persone ammesse.

Esercizi commerciali e imprese potranno decidere autonomamente di richiedere prova di immunizzazione agli avventori, ma non ci sara' alcun tipo di pass vaccinale in vigore. In caso di contatto con un positivo, resta valido l'auto-isolamento ma coloro che hanno gia' ricevuto due dosi potranno evitarlo. Altri dettagli su vacanze e quarantena verranno comunicati piu' avanti nella settimana mentre la conferma o eventuale revoca di queste decisioni verra' data il 12 luglio.

Di fronte ai timori, suscitati dal numero crescente di contagi giornalieri, il capo di Downing Street ha riconosciuto che l'epidemia "non sara' certamente finita per il 19 luglio"; tuttavia, "dobbiamo essere onesti con noi stessi: se non possiamo riaprire la societa' nelle prossime settimane, quando saremo in grado di tornare alla normalita'?". "L'alternativa e' aprire in inverno quando il virus avra' un vantaggio", ha aggiunto. 

Il numero di casi di Covid sta crescendo rapidamente: nel Regno Unito nelle ultime 24 ore sono stati registrati 27.334 nuovi contagi, nella settimana del 29 giugno-5 luglio il numero e' cresciuto del 53,2% rispetto ai sette giorni precedenti. E le stime indicano che per il 19 luglio ci saranno circa 50 mila contagi al giorno, ha affermato Johnson, sottolineando che la campagna vaccinale precede come previsto - 45,35 milioni i britannici che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino e 33,73 quelli completamente immunizzati - e l'immunizzazione resta efficace contro il coronavirus.

A questo proposito, il governo ha deciso di ridurre l'intervallo tra una dose e l'altra da 12 settimane a 8 per chi ha meno di 40 anni. Nonostante l'incremento dei casi, i ricoveri in ospedale e i decessi non conoscono la stessa crescita esponenziale cui si e' assistito nella seconda ondata (1.953 nuovi pazienti nel lasso di tempo 23-29 giugno, +24,2%; i decessi nell'ultima settimana sono stati 128, un incremento del 4,9%), anche se negli ultimi giorni le ospedalizzazioni hanno cominciato a registrare un aumento piu' rapido.

Secondo un sondaggio YouGov, il 71% dei britannici vuole che le mascherine rimangano obbligatorie sui trasporti pubblici, mentre per il 66% dovrebbero rimanere nei negozi e negli spazi pubblici chiusi. Inoltre, il 70% sostiene che si sentirebbe meno al sicuro se si trovasse in un luogo affollato o non ventilato e le persone non indossassero mascherine sul viso. 

Commenti
    Tags:
    bris johnsonregno unitocovid





    in evidenza
    Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

    Guarda le foto

    Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

    
    in vetrina
    Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

    Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici


    motori
    Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

    Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.