A- A+
Esteri
India: "Sui marò non terremo conto delle relazioni internazionali"

Sul caso maro' la Corte Suprema decidera' "in base al diritto, non preoccupandosi delle conseguenze sul piano delle relazioni internazionali". Con questo avvertimento il presidente della Corte, B.S Chauhan, ha dato appuntamento a lunedi' prossimo ad accusa e difesa, che ieri nel corso dell'udienza non sono riusciti a trovare un accordo sull'opportunita' di incriminare i due maro' italiani in base alla legge anti-pirateria (seppure in una versione ammorbidita, cioe' senza prevedere la pena di morte ma con una previsione di pena massima di 10 anni). Lo scrive l'Indian Express dando conto nel dettaglio dell'udienza che si e' tenuta ieri dinanzi alla Corte Suprema e al termine della quale il presidente Chauhan ha dato appuntamento alle parti al 18 febbraio.

Considerata l'impossibilita di trovare una soluzione amichevole tra le parti, scrive il quotidiano, sara' dunque la Corte Suprema ad avere la parola finale sul contenzioso.

Nel corso della seduta infatti le parti si sono fronteggiate ripetendo le posizioni: l'avvocato della difesa, Mukul Rohatgi, ha ricordato che il Sua Act, la legge anti-pirateria indiana, e' stata concepita per i pirati e non per militari quali sono Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. Il procuratore generale Vahanvati ha invece sostenuto che il Sua Act va mantenuto nel capo d'accusa, seppure solo con una previsione di pena massima di 10 anni se i due verranno ritenuti colpevoli; e anzi, a questo proposito, quando il giudice gli ha chiesto un chiarimento sul rischio comunque di pena di morte considerato il mantenimento della Sezione 302 del Codice penale, Vahanvati ha ricordato che in realta' questo accadrebbe solo se il reato fosse considerato "tra i piu' rari dei rari".

Di fronte dunque all'impossibilita' di trovare un accordo tra le parti, il giudice ha deciso che scegliera' lui e solo in base al diritto: "Se decidiamo in base al merito, non ci preoccuperemo delle conseguenze sulle relazioni internazionali. Decideremo rigorosamente in base alla legge".

Tags:
corte supremamarò
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.