A- A+
Esteri
Marò, passo indietro di Delhi sulla pena di morte

Sul caso maro', il governo di Delhi ci ripensa: o almeno cosi' scrive l'Indian Express. Di fronte alle crescenti pressioni contro l'applicazione nella vicenda dello stringente Sua Act che prevede la pena di morte, il governo ha chiesto al ministero dell'Interno - sostiene il quotidiano indiano - di rivedere il suo 'via libera' ad invocare la legge nel caso specifico: "Al ministero - si legge ancora - e' stato richiesto di considerare il fatto che la legge e' stata pensata per far fronte ad atti di terrorismo e pirateria e questo non e' il caso dell'omicidio dei due pescatori".

Secondo fonti del ministero della Giustizia consultate dal quotidiano, sara' chiesto alla Procura Generale di rivedere la sua posizione e "la sua opinione sara' valutata dal ministro della Giustizia (e non come accadde l'ultimo volta quando il 'via libera' fu dato da un funzionario di medio livello)". Fonti al ministero dell'Interno non hanno confermato la notizia, ma sottolineano che "il governo sta ancora valutando i futuri sviluppi della sua azione alla luce delle ramificazioni internazionali". Mercoledi' lo stesso presidente della Commissione Ue, Jose Manuel Durao Barroso, ha sottolineato che ogni decisione sul caso dei due fucilieri del Battaglione San Marco avra' "un impatto sulle relazioni complessive fra l'Unione Europea e l'India". Se il ministero della Giustizia fa marcia indietro, conclude il quotidiano, quello dell'Interno "puo' far marcia indietro e processare i due militari in base al Codice Penale indiano, anche se questo non lo puo' applicare la Nia, l'Agenzia Investiva indiana".

Intanto oggi la Corte Speciale di New Delhi ha deciso di rinviare al 25 febbraio la discussione sulla richiesta della Nia al tribunale stesso di assumere la custodia dei maro', attualmente in liberta' provvisoria dietro cauzione e residenti nell'ambasciata d'Italia a New Delhi. L'udienza e' durata appena qualche minuto e l'esito - ha spiegato l'inviato speciale Staffan De Mistura - era atteso dall'Italia perche' il 3 febbraio e' prevista l'udienza sul ricorso alla Corte Suprema contro l'eventuale applicazione nel processo del Sua Act, la legge antipirateria. "Il passaggio era puramente formale", ha fatto sapere. Il diplomatico, da mesi impegnato nella spola tra Italia e India, e' appena tornato a New Delhi in attesa dell'udienza - quella si' importante - del 3 febbraio, che dovrebbe sbloccare il processo ai due fucilieri del Battaglione San Marco. "Con la decisione odierna", sintetizza de Mistura, "la Corte Speciale ha in qualche modo riconosciuto di non essere in condizione di decidere proprio perche' l'Italia si e' rivolta a un'istanza superiore, la Corte Suprema".

Tags:
marò
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.