A- A+
Esteri


Ci aspettano settimane o mesi di sorprese nel caso dei due marò italiani trattenuti in India. La confusione tra ministeri a New Delhi non accennano a terminare. Il ministero degli Interni ha dato il via libera all’agenzia d’investigazione Nia affinché proceda contro Salvatore Girone e Massimiliano Latorre secondo il Sua Act, la legge antiterrorismo e antipirateria che prevede la pena capitale. La notizia è circolata sotto forma di indiscrezione ma è stata riportata da praticamente tutti gli organi d’informazione indiani. I quali hanno aggiunto che la Nia non sarà in grado di formulare ufficialmente i capi d’imputazione prima di un’udienza prevista per il 3 febbraio davanti alla Corte Suprema, che ha ordinato al governo di procedere alle accuse entro quella data.

Una fonte della Nia ha anche fatto sapere che, al momento della presentazione dei capi d’accusa, informerà il tribunale speciale incaricato di processare i due militari italiani che, in caso di condanna, dopo il processo non chiederà la massima pena. Questo perché il ministero degli Esteri indiano ha dato all’Italia assicurazione sovrana che i marò non rischiano la pena capitale. Situazione estremamente confusa ma grave. Confusa perché il Sua Act prevede, alla Sezione 3(g), che se l’offesa "in connessione a una nave causa la morte di qualsiasi persona sarà punita con la morte". Girone e Latorre, accusati di avere ucciso due pescatori al largo delle coste dello Stato del Kerala, cadrebbero nella fattispecie. È evidente che il governo di Delhi non vuole che vengano puniti con la pena massima, ma non è chiaro come la Nia possa riuscire a districarsi da un obbligo di legge. Grave perché, al di là della condanna, processare sulla base di una legge antiterrorismo due militari di un altro Paese che al momento dei fatti sotto giudizio erano nel pieno delle loro funzioni antipirateria significa considerare quel Paese in qualche modo coinvolto in attività di terrorismo.

La situazione dei due marò tiene banco anche nel mondo politico italiano. Tanto che Ignazio La Russa ha annunciato ad Affaritaliani.it che, "come extrema ratio, Fratelli d'Italia potrebbe candidarli alle prossime elezioni europee". Non solo. L'ex ministro della Difesa ha spiegato che "per non politicizzarli e non far sembrare questa scelta come di parte Fdi è pronta a candidarne soltanto uno lasciando la possibilità a un altro partiti di destra, centro o sinistra di candidare l'altro. In questo modo, diventando europarlamentari, avrebbe una maggiore tutela da parte delle istituzioni europee. Comunque prima andranno fatti tutti i passi necessari da parte del governo italiano e quest'ipotesi è soltanto l'ultima nel caso in cui la situazione non si sbloccasse in modo positivo nei prossimi mesi".

Tags:
marò
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.