A- A+
Esteri
India, parlano i marò italiani: l’accusa terrorismo ci fa molto male


"È un’accusa che ci fa molto male non solo come militari, ma anche come genitori e uomini". Lo ha detto giovedì, parlando da New Delhi, Massimiliano Latorre, rispondendo a una domanda sulla possibile applicazione di una legge antiterrorismo al loro caso. "Come militare professionista italiano che combatte la pirateria - ha aggiunto in un incontro con i giornalisti a New Delhi - questo mi rammarica molto".

"Ci dispiace per la perdita di due vite umane, ma non ci sentiamo assolutamente responsabili". Lo ha dichiarato oggi a New Delhi il fuciliere di Marina Salvatore Girone, in merito alla morte di due pescatori indiani il 15 febbraio 2012. "È un dispiacere umano - ha concluso il maro’ -, ma siamo innocenti".

Le dichiarazioni da New Delhi dei due marò arrivano dopo la conferma che lo spettro della richiesta della pena di morte da parte dell’India è definitivamente archiviato. Il ministero dell’Interno indiano, che sembrava non voler abbandonare la linea dura, ha alla fine raggiunto su questo specifico tema il campo delle «colombe» degli Esteri e della Giustizia. Anche se stesso ministero sarebbe irremovibile nella volontà di usare la legge che reprime la pirateria (Sua Act) per costruire i capi di accusa nei confronti dei due maro’. Soprattutto perché essa è applicabile, in certi casi, fuori dalle acque territoriali.

Tutto questo mentre resta forte la mobilitazione delle massime autorità italiane. Mercoledì a Strasburgo, dove ha incontrato gli eurodeputati italiani, il presidente Giorgio Napolitano ha confermato di essere impegnato in contatti internazionali a sostegno dei due Fucilieri di Marina che, ha detto, «non erano in mare a pescare ma in missione internazionale di sicurezza». E a Roma il ministro della Difesa Mario Mauro, in una audizione in Parlamento, ha avvertito che «la partecipazione italiana a future missioni antipirateria è legata alla positiva soluzione della vicenda giudiziaria dei due maro’, che dovrà concludersi con il loro rientro a casa, con onore». «La pronuncia della Corte Suprema indiana sulla nostra petizione, il 10 febbraio, avrà una particolare rilevanza sugli scenari futuri. Ci riserviamo pertanto - ha assicurato Mauro - di valutarla con estrema attenzione».

Tags:
maròindia
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.