A- A+
Esteri
Siria, il raid aiuta i jihadisti sul campo militare. Controffensiva dell'Isis

Il raid Usa in Siria cambia la situazione sul campo militare. Gravi danni per l'aviazione del regime di Damasco. L'Isis e le formazioni jihadiste si organizzano e lanciano la controffensiva.

Controffensiva di Isis e Fatah al Sham su Homs

Lo Stato islamico e Jabhat Fatah al Sham (precedentemente noto come al Nusra, affiliato ad al Qaeda) approfittando degli attacchi Usa sulla base aerea di Homs, hanno lanciato una nuova offensiva sulle posizioni delle forze armate siriane. L'azione dei gruppi jihadisti è iniziata, secondo la Difesa russa, subito dopo che i missili degli Stati Uniti sono stati lanciato sulla base aerea siriana, ha detto il portavoce del ministero della difesa russo Igor Konashenkov.

I jihadisti tornano all'attacco dopo il raid Usa in Siria

"Sto dirigendo la vostra attenzione sul fatto che un'offensiva su larga scala dell'Isis e dei gruppi militanti al Nusra contro le posizioni dell'esercito siriano sono iniziate subito dopo l'attacco missilistico (Usa) sulla base aerea siriana", ha detto il generale secondo quanto si apprende dal Ministero a Mosca. Secondo altri fonti siriane l'attacco dell'Isis interessa la parte orientale della provincia di Homs.

Aviazione di Damasco a pezzi

Ancora non ci sono conferme ufficiali sulla contabilità dei danni conseguenti al raid americano sulla Siria. Ma dovrebbero essere stati distrutti nove aerei da combattimento, i depositi di carburante e soprattutto il sistema di protezione antiaerea. Una contabilità che, se confermata, significherebbe che l'aviazione del regime di Damasco ha subito davvero grandi danni. Danni di tale portata da mettere in ginocchio l'aviazione di Assad.

Vantaggi per i jihadisti, annullato il vantaggio strategico dei lealisti

E' chiaro che da questa situazione trarrebbero grandi vantaggi le formazioni jihadiste. A partire dall'ex fronte Al Nusra, ma anche dall'Isis. I miliziani di Daesh, trincerati a Raqqa e Deir Az Zor, potrebbero avere il tempo di riorganizzarsi. Senza l'ausilio dell'aviazione, infatti, il vantaggio strategico e militare di Damasco rischia seriamente di venire meno. 

Russia costretta a un intervento maggiore

Per questo la Russia potrebbe essere presto costretta a un coinvolgimento maggiore sul campo. Cosa che Putin avrebbe voluto evitare ma che probabilmente sarà portato a fare per non lasciare di nuovo l'esercito di Assad in difficoltà. E a quel punto che cosa farà Washington? Starà a guardare o proseguirà nella nuova linea anti Assad? Il rebus siriano può riservare ancora tante (e purtroppo brutte) sorprese.

Tags:
siriaraid usaisisal nusradonald trumpattacco siria
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.