A- A+
Food
Guerra di vini tra Marche e Abruzzo. In ballo l'esclusiva del Montepulciano
cantine vino

Vino, “Ecco perché la richiesta dell’esclusiva del nome Montepulciano d’Abruzzo è legittima”

Il Consorzio Tutela Vini d'Abruzzo chiede il reinserimento nel Registro Nazionale Varietà delle Viti del sinonimo “cordisco” per il vitigno “montepulciano”, in modo da tutelare il vitigno montepulciano da usi impropri. Di contro, secondo l'Istituto marchigiano di tutela vini “non c’è ragione di fare eccezioni, violando peraltro il principio di eguaglianza. Il mondo del vino, come previsto dal Testo unico, deve ambire alla massima trasparenza nei confronti dei consumatori, anche e soprattutto per un vitigno, il Montepulciano, coltivato in quasi tutte le regioni italiane per un totale di 35 mila ettari, 2 Docg, 36 Doc e 88 Igt”.

Vino, la risposta del Consorzio Tutela Vini d'Abruzzo

La rivista Gamberorosso è stata contattata dal presidente del Consorzio Alessandro Nicodemi per ulteriori chiarimenti: “Anche il Consorzio Tutela Vini d'Abruzzo è con gli amici marchigiani dell’IMT (Istituto marchigiano di tutela vini), perché anche noi siamo favorevoli alla corretta informazione al consumatore. Però mi preme sottolineare che il legislatore, molto saggiamente, nel DM Etichettatura, nel prevedere fra le indicazioni facoltative la descrizione del vitigno per la corretta informazione, ha infatti compreso l’utilizzo anche del sinonimo dello stesso, proprio per evitare “illeciti utilizzi o usurpazioni delle DOP e IGP” (testuali parole). E concordando pienamente anche sul principio di uguaglianza, sempre richiamato dagli amici marchigiani, faccio presente che nell’allegato 6 del DM in parola, il termine Nero d’Avola (in questo caso sinonimo) è riservato, per storicità di utilizzo, solo ai vini provenienti dalla regione Sicilia, in tutte le altre regioni che hanno legittimamente impiantato questa varietà, hanno la possibilità di comunicarlo ai consumatori usando proprio il nome del vitigno, ovvero Calabrese”.

LEGGI ANCHE: Vino senza alcol, trend in crescita: il 50% del mercato è in mano agli astemi

Non credo che la richiesta del Consorzio Tutela Vini d'Abruzzo sia illegittima e/o impropria”, Nicodemi fa riferimento al reinserimento del sinonimo “cordisco” nel Registro Nazionale delle varietà di vite - “sicuramente presente fino al 1988 e poi scomparso misteriosamente nella trasformazione dello stesso da cartaceo ad informatizzato” - e all'utilizzo dello stesso sinonimo, per tutti i vini prodotti fuori regione e che possono vantare nella loro base ampelografica il vitigno Montepulciano. “Da qualche interlocuzione avuta, ci sembra che l’opposizione all’utilizzo di un sinonimo e quindi ad un termine sicuramente meno noto al pubblico, abbia dei risvolti più commerciali che dediti alla reale e corretta informazione al consumatore. In sintesi noi crediamo che se il legislatore avesse voluto solo il vitigno come termine informativo, non avrebbe previsto, come invece ha fatto, anche l’uso di un sinonimo ed è su questa ratio che noi vorremmo la tutela non solo della nostra denominazione-vitigno ma anche di tutte quelle presenti nel variegato mondo enologico nazionale che hanno investito in comunicazione e promozione, creando un legame indissolubile fra un vitigno ed il suo territorio. Tutelare queste “biodiversità”, significa tutelare il nostro "Made in Italy" che tutto il mondo ci invidia”.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
abruzzoesclusivamarchemontepulcianovino




in evidenza
Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso

Boutique eleganti, collaborazioni costose e... L'analisi

Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso


in vetrina
Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore

Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore


motori
CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.