A- A+
Green
Google alla svolta green: solo plastica riciclata per tutti i prodotti

Come la Silicon Valley, anche Google “sposa” la tradizione di fare industria in modo alternativo e “verde”, capitanata da colossi come Apple e Hp, e annuncia novità per quanto riguarda la sua impronta di carbonio, il quantitativo di emissioni di CO2 emesse dalle sue consegne e l’uso delle materie plastiche nei suoi prodotti. Come scrive Corcom, uno sforzo differente da quello dei colossi dell’hardware che movimentano ogni anno interi eserciti di assemblatori in Cina (Trump permettendo) e flotte di navi porta container per muovere avanti e indietro materie prime, componenti e prodotti assemblati. Ma è sempre un passo avanti anche per Google. Alphabet ha infatti annunciato che neutralizzerà le emissioni di carbonio dalla consegna dei suoi hardware di consumo entro il prossimo anno e utilizzerà plastica riciclata in ciascuno dei suoi prodotti entro il 2022. I nuovi impegni intensificano la concorrenza tra le aziende tecnologiche che mirano a mostrare ai consumatori e ai governi che stanno migliorando il bilancio ambientale nonostante l’aumento dei volumi dei gadget che producono e vendono.

Anna Meegan, responsabile della sostenibilità per i dispositivi e i servizi di Google, ha dichiarato in un’intervista che le emissioni di carbonio legate al trasporto dei prodotti dell’azienda sono diminuite del 40% l’anno scorso rispetto al 2017 facendo affidamento maggiormente sulle navi anziché sugli aerei per spostare telefoni, speaker, computer e altri gadget dalle fabbriche ai clienti in tutto il mondo. La società compenserà le emissioni rimanenti acquistando crediti di carbonio, ha detto Meegan. Tre dei nove prodotti Google per i quali la società dispone di informazioni dettagliate online contengono plastica riciclata, che varia dal 20% al 42% negli involucri per i suoi altoparlanti Google Home e i dongle streaming Chromecast. Google si è impegnata a introdurre almeno un po’ di plastica riciclata sul 100% dei suoi prodotti entro il 2022.

Sempre come scrive CorCom, Meegan ha riconosciuto che il business dell’hardware di Google, che è nato solo tre anni fa, segue per adesso da lontano il ben più grande rivale Apple, che è diventata molto attenta e puntuale nelle sue politiche per la sostenibilità. Apple, che nel 2017 si è impegnata “un giorno” a utilizzare solo materiali riciclati e rinnovabili, ha almeno il 50% di plastica riciclata in diversi suoi prodotti, stagno riciclato in almeno 11 prodotti e alluminio riciclato in almeno due. Gli standard di sostenibilità tuttavia adesso fanno parte della pianificazione hardware anche di Google, ha detto Meegan. I dispositivi in corso di progettazione non passano il controllo a meno che non dimostrino che sono stati presi in considerazione imballaggi e materiali sostenibili oltre alla facilità di riparazione. “Stiamo fondamentalmente cercando – ha detto Meegan – di costruire la sostenibilità in tutto ciò che facciamo. Ci vorrà del tempo per dimostrare i progressi”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    google greengoogle svolta verde
    in evidenza
    Hunziker-Trussardi: è finita “Dopo 10 anni ci separiamo”

    Spettacoli

    Hunziker-Trussardi: è finita
    “Dopo 10 anni ci separiamo”

    i più visti
    in vetrina
    Belen e Stefano insieme dopo la rottura con Antonino: è ufficiale

    Belen e Stefano insieme dopo la rottura con Antonino: è ufficiale


    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot 208, novità importanti per rimanere leader del mercato

    Peugeot 208, novità importanti per rimanere leader del mercato


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.