A- A+
Lavoro
Coworking: un nuovo modo di lavorare
logo fondazione studi
 

Le trasformazioni in atto nel mondo del lavoro stanno modificando la struttura, l’organizzazione, i rapporti con il territorio, i tempi e i diritti dei lavoratori. Emergono, inoltre, nuove abilità, nuove competenze, maggiori capacità decisionali e nuove figure professionali. Un esempio di come il mercato del lavoro stia cambiando è rappresentato dalla diffusione di una nuova modalità lavorativa di gruppo e di apprendimento condiviso: il coworking. Un modo di lavare che, a dirla tutta, nasce intorno agli anni 80 dall’imprenditore inglese Mark Dixon, che durante un viaggio a Bruxelles si accorge della mancanza di spazi strutturati di lavoro a disposizione degli uomini d’affari. Attualmente sono gli USA la patria del “lavoro condiviso”, con circa 800 siti. In Europa, invece, è la Germania a vantare il maggior numero di strutture di coworking. 

Numerose iniziative si stanno avviando anche in Italia, alcune delle quali caratterizzate dalla partecipazione della Pubblica amministrazione come soggetto promotore e finanziatore. Nel 2013, secondo una ricerca della Deskmag, più di 110mila persone lavoravano in uno dei circa 2.500 spazi di coworking disponibili in più di 80 Paesi, con un aumento dell’83% degli spazi rispetto all’anno precedente. Si calcola che, considerando solo i giorni lavorativi, in un solo anno vi è stata una crescita di 4,5 spazi di coworking al giorno, dato in continua crescita, con una media di 245 utilizzatori al giorno. Le persone che utilizzano gli spazi di coworking - stando all’indagine - hanno un’età media di 34 anni, i due terzi sono uomini e la maggior parte sono laureati. Il 50% di loro è composto da liberi professionisti, il 14% è imprenditore o startupper e il 24% si definisce impiegato. Si tratta di un target spesso meno avvezzo alla frequentazione di contesti formalizzati di apprendimento.

Andando oltre la semplice condivisione degli spazi, il coworking è diventato un luogo di contaminazione tra competenze ed esperienze, nonché di innovazione. Professionisti con competenze anche molto diverse si ritrovano per possedere in comune un luogo dove sperimentare, a volte in modo inconsapevole, un modello di lavoro basato sullo scambio e sulla collaborazione. Questo tipo di coworking è definito di seconda generazione, in quanto si è evoluto nel tempo per l’esigenza di trovare risposte nuove e sostenibili alle crisi globali, oltre che per il rilevante aumento di  start-up in ambito tecnologico, ma anche per il bisogno di recuperare modalità lavorative sostenibili, collaborative e informali.

Fonte: Isfol “Spazi di apprendimento emergenti. Il divenire formativo nei contesti di coworking, GabLab e università” ( Num. 29 gennaio, 2016)

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.