A- A+
MediaTech
Conflitto arabo-israeliano, la RAI unidirezionale filo palestinese. Perché?

Il quotidiano Jerusalem Post (fra i tanti) descrive la vicenda in modo diametralmente opposto alla RAI: “L'IDF (Forze di difesa israeliane, ndr) ha ucciso due terroristi in un raid nella città di Tulkarm, in Cisgiordania, sabato mattina, quando un tentativo di arrestarli ha portato a uno scambio di colpi di arma da fuoco, ha annunciato l'unità del portavoce dell'IDF. I terroristi sono stati identificati come Samar Salah al-Shafei e Hamza Jamil Haroush, 22 anni, che avevano compiuto l'attacco terroristico ad Avnei Hefetz martedì. L'IDF ha detto che i due terroristi stavano pianificando ulteriori attacchi. I due erano affiliati alla Jihad islamica che, insieme ad Hamas, ha lanciato più di 100 razzi contro Israele la scorsa settimana”. On line è facile reperire le foto delle armi in possesso dei due uccisi.

Armi palestina israele
Le armi trovate durante il raid

“Jihad islamica”, “scontro a fuoco”, “accusati di un raid precedente”, “100 razzi contro Israele la scorsa settimana”. I termini cambiano totalmente il contesto.

I filo palestinesi potrebbero dire che i giornali come il Jerusalem Post sono orientati al centro o a destra. Allora siamo andati a leggere Haaretz, quotidiano israeliano profondamente di sinistra, un riferimento anche per la rivista italiana Internazionale. Haaretz non è mai stato tenero col governo, tanto meno oggi visto che è tra i più accesi accusatori del cambio legislativo voluto dalla maggioranza, considerato un colpo di stato giudiziario.

La descrizione di Haaretz è anche peggiore del previsto. “Il gruppo militante del battaglione Tul Karm (un gruppo che recluta principalmente giovani armati, alcuni dei quali sono affiliati ad Al-Fatah) ha annunciato che due dei suoi agenti, i 22enni Hamzah Kharouish e Samer Al-Shafi'i, sono stati uccisi durante scontri a fuoco con le forze dell'IDF che operavano nel campo profughi di Nur al-Shams a ovest della città. Una dichiarazione del gruppo afferma che Kharouish è stato l'aggressore che ha effettuato un attacco a fuoco nell'insediamento di Avnei Hefetz in Cisgiordania solo quattro giorni fa. A Tul Karm è stato dichiarato un giorno di lutto e uno sciopero in seguito all'incidente”.

Il battaglione Tul Karm ha l’obiettivo dichiarato di compiere attacchi terroristici nella Cisgiordania centrale e intorno a Tul Karm e i due giovani, a detta di Haaretz, vengono descritti dai palestinesi stessi, come agenti di un gruppo estremista a capo di attentati.

“Un testimone oculare”, continua Haaretz “ha affermato che le forze dell'IDF sono entrate a Nur al-Shams e hanno circondato un complesso in cui risiedevano Kharouish e Al-Shafi'i, mentre avevano cecchini sui tetti degli edifici che fungevano da rinforzi. Secondo un testimone oculare, Kharouish e Al-Shafi'i sono stati uccisi mentre cercavano di scappare da una finestra. Altri rapporti indicano che le forze dell'IDF hanno arrestato altri due palestinesi, uno dei quali ferito da colpi di arma da fuoco dell'IDF”.

Se abbiamo letto noi queste descrizioni perché non lo ha fatto la RAI. E soprattutto: perché avere come unica fonte il ministero della Salute palestinese? Perché la tv di Stato italiana insiste con questa narrazione parziale? Il Conflitto arabo-israeliano è un tema complesso che non andrebbe trattato con la leggerezza e la parzialità del tifo, tanto meno dalla tv di Stato.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cisgiordaniaconflitto arabo-israelianofilogerusalemmeisraelepalestinaraitulkaremuccisioneunidirezionale





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.