A- A+
MediaTech
La Repubblica in crisi: i social la distruggono. "Giornale dei ricconi"

Dopo i tagli adottati negli ultimi dieci anni, il Gruppo Gedi, editore di Repubblica, ha prospettato ulteriori, pesanti interventi sul costo del lavoro giornalistico. La redazione ha respinto all'unanimità la proposta dell'azienda e ribadito l'indisponibilità a confrontarsi, in questi termini, sul futuro del quotidiano. E ha invitato gli azionisti a farsi carico di criticità che non possono essere addebitate al corpo redazionale, ma a scelte manageriali, di marketing ed editoriali .Nel momento in cui Repubblica è sotto attacco da parte della maggioranza di governo, i giornalisti esigono dall'azienda che si mettano in campo tutti gli strumenti e i comportamenti necessari per difendere il giornale, per proteggerne l'autorevolezza e la libertà, per tutelare la comunità dei lettori…”

Questo l’inizio del comunicato della redazione. Repubblica, diretta da Mario Calabresi, è in crisi per i tagli all’organico da parte dell’editore e sui social si scatenano i commenti sarcastici.

LaLaura dice:

Siamo solidali con i poveri giornalai di Repubblica. L'austerità è una ruota che gira, ieri a noi oggi a loro. Li ricambieremo con la stessa spietata indifferenza per il loro futuro.

 

DiabolMark:

Già che ci siete portatevi il nonnetto. A Londra non vedon l'ora di ascoltare i suoi soporifici sermoni.

 

Empedocle:

La dura legge dei mercati...vi piace fare i neoliberisti col sedere degli altri?

 

Matteo Brandi:

Giornale buono solo per la lettiera del gatto.

 

Andrea:

Del resto sono anni che scrivono articoli sulla bellezza della mobilità del lavoro e la svalutazione dello stesso, perché scioperano?

 

Quello che si contesta al quotidiano, ma direi all’intero gruppo che possiede, tra l’altro, L’Espresso, Le Scienze, Micromega, è l’insopportabile retorica liberista insieme alle grandi protezioni economiche che finora ha goduto.

Sono anni che la Repubblica è in caduta libera perché è diventato il giornale di un élite ristretta di ricconi asserragliati nei loro attici di Roma, Milano e New York con le bandierine multicolore della pace e le tasche gonfie di soldi di Carlo De Benedetti.

Dal canto suo, Eugenio Scalfari, il fondatore, ha dato segni di cedimento intellettuale, come quando ha attribuito falsamente parole a Papa Francesco sulla non esistenza dell’inferno.

Ma anche le altre pubblicazioni del gruppo sono in crisi. A partire da Le Scienze, diretta insipidamente da Marco Cattaneo che invece che parlare appunto di scienza fa politica disorientando i suoi lettori storici.

La crisi di Repubblica e del gruppo editoriale non è solo la crisi di un giornale ma è la crisi di un intero modello culturale che si avvia all’estinzione.

E poco vale la ridotta del comunicato che parla di “Repubblica sotto attacco dalla maggioranza del governo”, oltretutto deontologicamente scorretta. Come ha scritto un utente di twitter è: “La dura legge dei mercati...vi piace fare i neoliberisti col sedere degli altri?”. Facile fare la retorica liberal quando si ha il deretano protetto.

Ed io aggiungerei: chi semina vento raccoglie tempesta.

 

 

 

Commenti
    Tags:
    la repubblical'espressole scienzemario calabresieugenio scalfarimarco cattaneo
    in evidenza
    Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

    Meteo

    Arriva l'aria polare dalla Svezia
    Fine maggio brividi. Previsioni

    i più visti
    in vetrina
    Lukaku torna all'Inter? No colpo di scena, c'è il Milan. Calciomercato news

    Lukaku torna all'Inter? No colpo di scena, c'è il Milan. Calciomercato news


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Maserati MC20 Cielo, la spider dal tetto retrattile

    Nuova Maserati MC20 Cielo, la spider dal tetto retrattile


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.