A- A+
MediaTech
La Repubblica in crisi: i social la distruggono. "Giornale dei ricconi"
Advertisement

Dopo i tagli adottati negli ultimi dieci anni, il Gruppo Gedi, editore di Repubblica, ha prospettato ulteriori, pesanti interventi sul costo del lavoro giornalistico. La redazione ha respinto all'unanimità la proposta dell'azienda e ribadito l'indisponibilità a confrontarsi, in questi termini, sul futuro del quotidiano. E ha invitato gli azionisti a farsi carico di criticità che non possono essere addebitate al corpo redazionale, ma a scelte manageriali, di marketing ed editoriali .Nel momento in cui Repubblica è sotto attacco da parte della maggioranza di governo, i giornalisti esigono dall'azienda che si mettano in campo tutti gli strumenti e i comportamenti necessari per difendere il giornale, per proteggerne l'autorevolezza e la libertà, per tutelare la comunità dei lettori…”

Questo l’inizio del comunicato della redazione. Repubblica, diretta da Mario Calabresi, è in crisi per i tagli all’organico da parte dell’editore e sui social si scatenano i commenti sarcastici.

LaLaura dice:

Siamo solidali con i poveri giornalai di Repubblica. L'austerità è una ruota che gira, ieri a noi oggi a loro. Li ricambieremo con la stessa spietata indifferenza per il loro futuro.

 

DiabolMark:

Già che ci siete portatevi il nonnetto. A Londra non vedon l'ora di ascoltare i suoi soporifici sermoni.

 

Empedocle:

La dura legge dei mercati...vi piace fare i neoliberisti col sedere degli altri?

 

Matteo Brandi:

Giornale buono solo per la lettiera del gatto.

 

Andrea:

Del resto sono anni che scrivono articoli sulla bellezza della mobilità del lavoro e la svalutazione dello stesso, perché scioperano?

 

Quello che si contesta al quotidiano, ma direi all’intero gruppo che possiede, tra l’altro, L’Espresso, Le Scienze, Micromega, è l’insopportabile retorica liberista insieme alle grandi protezioni economiche che finora ha goduto.

Sono anni che la Repubblica è in caduta libera perché è diventato il giornale di un élite ristretta di ricconi asserragliati nei loro attici di Roma, Milano e New York con le bandierine multicolore della pace e le tasche gonfie di soldi di Carlo De Benedetti.

Dal canto suo, Eugenio Scalfari, il fondatore, ha dato segni di cedimento intellettuale, come quando ha attribuito falsamente parole a Papa Francesco sulla non esistenza dell’inferno.

Ma anche le altre pubblicazioni del gruppo sono in crisi. A partire da Le Scienze, diretta insipidamente da Marco Cattaneo che invece che parlare appunto di scienza fa politica disorientando i suoi lettori storici.

La crisi di Repubblica e del gruppo editoriale non è solo la crisi di un giornale ma è la crisi di un intero modello culturale che si avvia all’estinzione.

E poco vale la ridotta del comunicato che parla di “Repubblica sotto attacco dalla maggioranza del governo”, oltretutto deontologicamente scorretta. Come ha scritto un utente di twitter è: “La dura legge dei mercati...vi piace fare i neoliberisti col sedere degli altri?”. Facile fare la retorica liberal quando si ha il deretano protetto.

Ed io aggiungerei: chi semina vento raccoglie tempesta.

 

 

 

Commenti
    Tags:
    la repubblical'espressole scienzemario calabresieugenio scalfarimarco cattaneo
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel svela il nuovo Vivaro-e HYDROGEN

    Opel svela il nuovo Vivaro-e HYDROGEN


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.