A- A+
MediaTech
La ricetta dei contenuti virali: ecco come avere più condivisioni

E se la viralità fosse una scienza esatta? Un equilibrio tra contenuto, dati, test. La University of Pennsylvania ha tentato di capirci di più analizzando gli articoli del New York Times più condivisi. Il primo dato: se si vuole maggiore successo occorre puntare su “emozioni ad alta intensità”. Cioè? Rabbia, timore, ansia. Mentre state lontani dalla tristezza, poco apprezzata dalla comunità social.

Emozioni forti
A circolare quindi, più che le analisi, sono le emozioni. Una conferma di una viralizzazione che agisce di pancia più che di sinapsi. Questo però non vuol dire necessariamente che vince chi urla di più. Perché i contenuti virali reagiscono anche in base ai meccanismi cognitivi. Devono essere sorprendenti e interessanti. Ma soprattutto utili. In altre parole, i cari vecchi “articoli di servizio”, che forniscono informazioni concrete, hanno lo stesso potere virale di un contenuto che provoca e indigna.

Screen shot 2015 07 06 at 2 34 20 PM
 

Conoscenza diretta
Nelle regole della viralità spunta anche la conoscenza. Un contenuto avrà più probabilità di essere condiviso se si conosce l'autore e lo si reputa quindi credibile. In caso contrario, è più difficile instaurare un rapporto di fiducia sulla base del solo contenuto.

Donne meglio degli uomini
Gli articoli del NYT scritti da donne sono stati mediamente più condivisi. Hanno successo (e non sorprende) i contenuti divertenti. Mentre può essere inatteso il fatto che la condivisione passa anche per la qualità: maggiore è il tempo passato sulla pagina, maggiore sarà la probabilità di condivisione. Anche perché aver convinto l'utente a leggere significa già aver suscitato interesse, ossia il punto di partenza della viralizzazione.

 

Tags:
viralsocialcontenuti
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.