A- A+
MediaTech
M5S, Brescia ad Affari: “Ecco perché abolire l'Ordine dei giornalisti”

di Paolo Fiore

Non solo finanziamento all'editoria. Il Movimento 5 Stelle proporrà legge per abolire l'Ordine dei giornalisti. Lo ha affermato in aula Giuseppe Brescia, già primo firmatario del ddl sull'aboluzione dei finanziamenti pubblici alla stampa.

“Con l'Ordine dei giornalisti – spiega Brescia ad Affaritaliani.it - si stabilisce che 'nessuno può assumere il titolo né esercitare la professione di giornalista se non è iscritto nell’albo professionale' e si ordina il pagamento di una quota annuale al fine di mantenere l’iscrizione all’albo dei giornalisti. Considerato che l’Ordine dei Giornalisti è stato istituito più di 50 anni fa, in momenti storici ben diversi da quello attuale e tenuto conto dell’eccezione che la presenza di tale Ordine in Italia costituisce rispetto agli altri paesi dell’Unione Europea, è obbligatorio chiedersi se i presupposti del suo esistere possano essere effettivamente ritenuti validi”.

Controllo deontologico e selezione per l'inscrizione: per Brescia tutte le funzioni dell'Ordine possono essere abolite o trasferite. “Una delle funzioni a cui dovrebbe assolvere l'ordine è quella di garante della deontologia professionale dei giornalisti. Noi riteniamo che questo compito possa essere affidato ad esempio all'AGCOM o svolto dagli stessi editori e direttori”.

La prova di idoneità professionale che i praticanti sono tenuti a sostenere per iscriversi all’Ordine è bollata come sostanzialmente inutile. O comunque poco indicativa. “Non è possibile – continua Brescia - determinare e garantire la professionalità e la preparazione di un giornalista mediante una prova scritta e orale di tecnica e pratica del giornalismo”.

Quale sarebbe l'alternativa? “Sarebbe senz’altro più opportuno, così come accade negli altri stati europei – risponde il deputato M5S - demandare a editori e direttori di testate il compito di accertare l’idoneità di un giornalista a esercitare la professione in base a determinati criteri di selezione di volta in volta determinati dalle esigenze della redazione”.

Insomma, secondo Brescia, i giudici ultimi dovrebbero essere azienda e lettore. “L’esistenza di un Ordine dei giornalisti non presuppone automaticamente che vi sia trasparenza nell’informazione o che vengano rispettati gli interessi del lettore a cui va riconosciuta, invece, la capacità di giudicare da un punto di vista etico l’operato di un giornalista, e il diritto di non acquistare o seguire più una determinata testata”.

“L’Ordine dei Giornalisti – conclude - non ha ragion d’essere”. Annunciata in aula poche ore fa, “la proposta di legge sarà depositata già nei prossimi giorni”. Per ora non c'è appoggio dichiarato fuori dal Movimento. Ma, afferma Brescia, “sono sicuro che farà breccia anche in altri gruppi. Alcuni colleghi che vengono dalla storia dei Radicali sposeranno senz'altro questa che è anche una delle loro vecchie battaglie”.

 

twitter@paolofiore

Tags:
m5sordine dei giornalistigiuseppe bresciagiornalismo
Loading...
in vetrina
Allegri tra Montecarlo con Ambra Angiolini e... il Barcellona di Messi

Allegri tra Montecarlo con Ambra Angiolini e... il Barcellona di Messi

i più visti
in evidenza
Vasco si gode l'estate a Rimini Ma con qualche chilo di troppo...

Spettacoli

Vasco si gode l'estate a Rimini
Ma con qualche chilo di troppo...


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Il Presidente Mattarella al volante della nuova Fiat 500 Elettrica

Il Presidente Mattarella al volante della nuova Fiat 500 Elettrica


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.