A- A+
MediaTech

Accordo fatto: Mediaset e Vivendi diventano soci. Una partnership che fa entrare Vincent Bollorè nel capitale del Biscione e la famiglia Berlusconi in quello del gruppo francese.  

In base agli accordi, si legge in una nota, il 3,5% del capitale di Vivendi sarà scambiato con il 3,5% del capitale di Mediaset. Il peso non è lo stesso. Per cui, a uno scambio di quote simili, Mediaset ha dovuto mettere sul piatto Premium. La pay tv diventa francese al 100%. Un accordo logico per entrambi i fronti. Mediaset si libera di un prodotto costato molto e con ritorni finora modesti. Vivendi rafforza la presa sulla tv a pagamento, creando un'entità europea con "più di 13 milioni" di abbonati complessivi. 

Per tre anni, Vivendi non potrà possedere una partecipazione complessiva superiore al 5%. Poi, però, Bollorè sarà libero di crescere. E niente esclude che, come già avvenuto in Telecom, possa prendere campo. Tre anni sono lunghi, ma Vivendi ha posto le basi per essere il maggiore azionista del primo operatore tlc (quale già è) e del principale operatore televisivo privato italiano.  

"È un accordo di cui siamo molto soddisfatti", ha affermato il vice presidente e amministratore delegato di Mediaset Pier Silvio Berlusconi. "È una scelta strategica che abbiamo assolutamente cercato, la migliore possibile". In sostanza Mediaset si alleggerisce: Premium diventa un asset da far fruttare, per passare all'incasso con quel 3,5% detenuto in pancia alla nuova proprietà. Con in più la possibilità di aprirsi a un mercato europeo.   

L'intesa comprende inoltre "iniziative per la produzione e la distribuzione in comune di contenuti audiovisivi e la creazione di una piattaforma tv globale over-the-top". Mediaset potrà quindi puntare maggiormente sui contenuti, usufruendo di una piattaforma continentale che da sola non avrebbe potuto costruire.  

In vista di una possibile osmosi tra i due cda, Berlusconi è cauto: "Parliamo di due società quotate con consigli in carica. Ad oggi il mio ingresso nel cda di Vivendi non è previsto, ma se il contributo di uomini di Vivendi in Mediaset e di noi in Vivendi, verrà giudicato importante non è escluso che avvenga in futuro". La domanda non è "se" ma "quando".

La notizia, attesa, ha già in parte scontato il suo effetto sui titoli: Mediaset ha chiuso la seduta a 3,50 euro, per un progresso del 5,36%. Più modesta la reazione di Vivendi, +0,85% a 18,42 euro. 

Tags:
mediasetvivendimediaset premium francesevincent bollorèpiersilvio berlusconi
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal

Scatti d'Affari
SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal


casa, immobiliare
motori
DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.