A- A+
MediaTech
PlayStation in Cina con censura. Vietati Gta e Call of Duty

Anche la Cina apre le porte ala PlayStation. Un mercato troppo importante per Sony, davanti al quale si deve essere disponibili ai comromessi. La consolle sarà nei negozi senza alcuni dei giochi di maggiori successo, sgraditi al governo di Pechino. a farne le spese sono due titoli come Grand Theft Auto e Call of Duty.

Per Sony era però importante presidiare la Cina. L'esordio, previsto a gennaio, era già stato rimandato. Mentre la concorrente XboxOne aveva già conquistato il gigante asiatico lo scorso settembre. 

Prezzo di vendita: 2899 yuan, pari a 471 dollari. Tutti in fila, con qualche mugugno da parte dei fan di Gta. Ma non solo: al momento, chi vuole acquistare la PlayStation a Shangai può scegliere tra appena quattro titoli: "Dynasty Warriors 8: Xtreme Legends", "Trials Fusion", "Knack" e "Rayman Legends". Per avere un successo a lungo termine, ampliare la gamma dei giochi sarà fondamentale. Ma intanto era importante aprie una breccia. E Sony lo ha fatto. 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
playstationmvideogiochigtacalla of dutycina
in evidenza
Juve, arriva una grande cessione E due colpi a parametro zero

Addio per finanziare Vlahovic

Juve, arriva una grande cessione
E due colpi a parametro zero

i più visti
in vetrina
Bargiggia vs Criscitiello: "Un mix imbarazzante, Er Faina e cosce"

Bargiggia vs Criscitiello: "Un mix imbarazzante, Er Faina e cosce"


casa, immobiliare
motori
Porsche Italia si prepara a tornare ai livelli pre-covid

Porsche Italia si prepara a tornare ai livelli pre-covid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.