A- A+
MediaTech
Radio Radicale, Crimi: "La convenzione non sarà rinnovata"

Su Radio Radicale "la posizione è molto chiara. E' intenzione di questo Governo, mia e del Mise, che abbiamo seguito il dossier, di non rinnovare la convenzione con Radio Radicale". A chiarirlo è Vito Crimi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all'editoria, arrivando al convegno sull'informazione locale in Regione Lombardia, a chi gli chiedeva se ci fossero state novità e incontri sul tema. 

"Non rinnovare la convenzione - precisa - per svolgere un servizio che ha svolto da 25 anni senza alcun tipo di gara e valutazione dell'effettivo valore di quel servizio. Nessuno ce l'ha con Radio Radicale o vuole la sua chiusura. Sta nella libertà del Governo farlo".  Negli ultimi vent'anni, secondo Crimi, "è stata rinnovata come una concessione. Esiste Rai Parlamento, un servizio pubblico, un canale istituzionale che trasmette le sedute parlamentari e delle commissioni".

Commenti
    Tags:
    radio radicalecrimicrimi radio radicale
    in evidenza
    Giorgia Rossi-Dazn, colpo di scena Arriva la "nuova" Diletta Leotta

    Colpo di tele-mercato

    Giorgia Rossi-Dazn, colpo di scena
    Arriva la "nuova" Diletta Leotta

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


    casa, immobiliare
    motori
    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.