A- A+
MediaTech
Rcs, botte da orbi sulla pubblicità: Cairo invoca la Consob

Un risultato Urbano Cairo l'ha già raggiunto: ha costretto i soci storici di Rcs a fare mercato (anche) con la pubblicità. International media holding ha pubblicato un annuncio per convincere gli azionisti che la propria offerta è migliore.

A distanza di due giorni, sono infatti comparsi due spottoni a mezzo stampa. Il primo, pubblicato il 12 luglio, canta le lodi di Cairo, puntando sulla solidità del suo gruppo: “Ha distribuito dividendi per 153 milioni in 8 anni”. E giù a indicare i pregi dell'offerta, con azioni di Cairo Communications e una quota in denaro. Nel tono e nei modi, la pubblicità somiglia molto al suo promotore.

Il 13 luglio è stata la volta della cordata Bonomi. E qui la sorpresa aumenta, perché anche il secondo annuncio ha dovuto assumere toni da bancarella. L'inserzione si intitola “scegli la certezza”. Niente scambio ma “un euro subito in contanti”. Si definisce l'offerta “vantaggiosa” e con “nessun rischio di mercato”. E poi si gioca su tempi e cifre. International media holding definisce la propria offerta “conveniente”, con “un premio del 90%” rispetto “al prezzo offerto da Cairo l'8 aprile”. Ed è proprio questo il punto che ha spinto l'editore de La 7 a diffondere un comunicato e chiamare in causa la Consob.

L'affermazione che il prezzo offerto da Imh sia conveniente, si legge nella nota di Cairo, “è idonea a indurre in errore gli azionisti di Rcs e influenzare in modo scorretto la scelta di aderire all'Opas”. Il motivo è semplice: dall'8 aprile le condizioni offerte da Cairo sono cambiate in modo sostanziale, con 0,25 euro in cash che si aggiungono alle 0,18 azioni Cairo per ogni azione Rcs, per un valore complessivo di 1,04 euro. Quel premio del 90% non esiste più. La Consob dovrà valutare.  

rcs
La Consob però deve badare anche un'altra rimostranza, che arriva dal versante opposto. Secondo Bonomi e soci, infatti, Cairo e Intesa non starebbero agendo in totale trasparenza. In particolare, Imh chiede di sapere se nel 9,43% del capitale di Rcs apportato all’opas siano inclusi i pacchetti di Cairo e Intesa (che sommati fanno l'8,9%). La questione è dirmente. Perché in caso di risposta negativa, significherebbe un'opas vicina al 20%, non lontano da quel 30 ritenuto soglia minima. Dall'altra, l'opa /che già poteva contare su un pacchetto iniziale del 24,77%, è arrivata al 26,42%.
Tags:
rcsurbano cairointernational media holdingpubblicità rcs
in evidenza
Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

La riconciliazione

Fedez e J-Ax, pace fatta
"Un regalo per Milano e..."

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.