A- A+
Medicina
Cancro al seno, uomini a rischio. Ecco la storia di Franck, 41 anni

Cancro al seno, una faccenda femminile? Non solo. Ogni anno circa l'1% dei casi di carcinoma mammario coinvolge uomini, 550 persone per l’esattezza in Francia. Un nodulo duro e indolore, retrazione e / o ulcerazione del capezzolo, secrezione sospetta del capezzolo o una catena linfatica palpabile sotto l'ascella: i sintomi sono più o meno gli stessi di donne. Come scrive Le Figaro, questo cancro viene spesso diagnosticato in una fase avanzata. L'età media alla diagnosi è di 60 anni, ma può verificarsi prima. Questo è quello che è successo a Franck. Nel luglio 2019, questo informatico di 41 anni, padre di una bambina di cinque anni e mezzo, si rese conto che qualcosa non andava. Attualmente in pieno trattamento, ha raccontato la sua storia a Le Figaro per far conoscere il lato maschile di questa malattia.

"Era l'inizio dell'estate. Una sera , sentii una 'pallina' indolore sul seno sinistro. Non mi sono preoccupato, mi sono detto 'vedremo domani'. Il giorno dopo era ancora lì. Questo è ciò che mi ha fatto decidere di prendere un appuntamento con il mio medico. Quando ci siamo visti, mi ha detto che c'era una probabilità del 99% che sarebbe stata una cisti, ma mi ha comunque offerto una mammografia. Le immagini mostravano che non era una cisti. A quel tempo, sapevo che era una cosa cattiva. Quindi ho dovuto fare una biopsia. I risultati sono arrivati il 15 luglio: era un tumore canceroso di 2 centimetri per 1,5. Non sapevo che questo tipo di tumore potesse colpire anche gli uomini".

Cosa è successo dopo?

"Sono stato immediatamente messo in contatto con un reparto oncologico. All'inizio, i dottori mi dissero che avrei avuto una mastectomia, cioè che avrei dovuto togliermi il seno dall'intervento chirurgico. Ma una TAC ha mostrato che l'intera catena ganglionica era interessata: il cancro aveva già avuto il tempo di muoversi. Mi è stato detto che avrei avuto anche sessioni di chemioterapia. E lì, ho capito perché si chiama una lunga malattia: sono trascorsi tre mesi tra l'annuncio della diagnosi e l'inizio del trattamento! Nel frattempo, ho superato una serie di esami medici. C'è anche un cateterismo, mediante il quale le infermiere iniettano il prodotto chemioterapico".

E ora dove sei?

"Ho 8 sessioni programmate su 6 mesi. Ho fatto la mia terza sessione giovedì 24 ottobre. Quindi, un'operazione chirurgica rimuoverà il tumore. Alla fine di tutto ciò, avrò 5 sessioni settimanali di radioterapia per 5 settimane. Parallelamente, aspetto i risultati dei test oncogenetici. Molti dei miei familiari sono morti di cancro, incluso il cancro al seno. Se troveremo un'origine genetica, avrò una mastectomia del seno destro, per prevenzione. Dopo la prima sessione di chemio, mi sentivo molto in forma. Il terzo mi ha davvero inchiodato a letto. Al momento mi fanno un'iniezione, va tutto bene. Sono trascorse 4 o 5 ore dall'inizio dell'attacco. Ho delle piccole vertigini, mi sento nauseato, un po 'come un inizio di influenza. Sono molto sensibile al rumore e al tatto. E, soprattutto, mi ritrovo in un enorme stato di debolezza durante i 4 giorni successivi alla sessione, incapace di fare nulla. In generale faccio molto sport, una corsa di 10 chilometri ogni settimana. Lì, quando arrivo a 5 chilometri a passo lento, sono felice. Il declino della forma fisica è palese".

E il morale?

"Ho finito con questa cosa, nel mezzo di una crisi di mezza età. Mi ha aperto gli occhi su molte cose, contro ogni previsione, tutto è diventato più chiaro. Piuttosto che scorrere, mi schiarì le idee. È paradossale ma, moralmente, ora mi sento meglio di prima della malattia. È come un incidente d'auto da cui emergiamo incolumi: ci svegliamo il giorno dopo, vedendo che tutto va bene e ci rendiamo conto che l'erba è più verde. Questo è un piccolo promemoria per la nostra fragilità. Ma è legato al fatto che non ho dubbi sulla mia guarigione e che mi fido pienamente del team medico.

Hai ansie?

"Era molto difficile dire a mia figlia di 5 anni che per un anno sarei stato molto stanco e malato. Un'altra fonte di ansia è sapere che questo cancro mi seguirà per i prossimi 10 anni, almeno, che renderà tutto complicato per possibili progetti a livello di prestiti bancari e assicurativi, è scoraggiante. E poi vedere i suoi capelli cadere, la sua massa muscolare sciogliersi, sapere che il mondo saprà a colpo d'occhio che sono malato ... È difficile da accettare. Mi ha dato l'idea di prendere nota del mio stato morale e fisico e di fare una foto ogni giorno. Così ho iniziato a scrivere i miei umori e ho trovato un vero sfogo. Pubblico tutto questo su un blog creato per l'occasione, Fine del mondo e pesce rosso".

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    cancro al senocancro al seno uomini
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

    ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.