A- A+
Medicina
Carcinoma uroteliale: la FDA approva avelumab come terapia di mantenimento

La FDA approva avelumab come terapia di mantenimento in prima linea nei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico

Merck e Pfizer Inc. (NYSE: PFE) hanno annunciato che la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha approvato la supplemental Biologics License Application (sBLA - domanda di licenza biologica supplementare) per avelumab nel trattamento di mantenimento dei pazienti con carcinoma uroteliale (UC, urothelial carcinoma) localmente avanzato o metastatico, che non è progredito dopo la chemioterapia di prima linea a base di platino.

L’approvazione si basa sui risultati dello studio di fase III JAVELIN Bladder 100 che hanno dimostrato come il trattamento di mantenimento con avelumab, associato alla migliore terapia di supporto (BSC, Best Supportive Care), permette un miglioramento significativo della sopravvivenza globale (OS, Overall Survival) mediana,   pari a 7,1 mesi rispetto alla sola BSC: 21,4 mesi (IC al 95%: da 18,9 a 26,1) rispetto ai 14,3 mesi (IC al 95%: da 12,9 a 17,9) di OS per i pazienti trattati solo con la BSC.1 Questo miglioramento significativo in termini statistici della OS si traduce in una riduzione del 31% di rischio di mortalità nella popolazione generale (HR 0,69; 95 % IC: da 0,56 a 0,86; 2-sided P=0,001).1 La sopravvivenza globale mediana è stata calcolata dal momento della randomizzazione, dopo che i pazienti hanno ricevuto come trattamento da 4 a 6 cicli di gemcitabina in associazione a cisplatino o carboplatino per un periodo di circa quattro mesi. I risultati dello studio JAVELIN Bladder 100 sono stati presentati all’ASCO 2020 Virtual Scientific Meeting.

“Dal momento che si tratta della prima immunoterapia in grado di dimostrare un miglioramento statisticamente significativo della sopravvivenza globale nel trattamento di prima linea del carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico, l'approvazione di avelumab da parte della FDA rappresenta uno dei progressi più significativi degli ultimi 30 anni nel paradigma di trattamento in questo setting", ha affermato Petros Grivas, MD, Ph.D., uno dei principali ricercatori dello studio JAVELIN Bladder 100. "Con una sopravvivenza complessiva mediana di oltre 21 mesi, misurata a partire dalla randomizzazione, che rappresenta la sopravvivenza globale più lunga dimostrata in uno studio di Fase III nel carcinoma uroteliale avanzato, il regime JAVELIN Bladder 100, con avelumab come trattamento di mantenimento in prima linea, ha tutte le potenzialità per diventare il nuovo standard di cura. Questo grazie alla sua comprovata capacità di rafforzare il beneficio (risposta al trattamento o malattia stabile) della chemioterapia di induzione e di prolungare l’aspettativa di vita dei pazienti colpiti da questa malattia devastante".

Attualmente la chemioterapia a base di platino è il trattamento standard di prima linea per quei pazienti eleggibili con malattia avanzata sulla base degli alti tassi di risposta iniziale. Tuttavia, per la maggior parte dei pazienti si verifica una progressione della malattia entro nove mesi dall'inizio del trattamento e solo il 5% dei pazienti con patologia metastatica alla diagnosi vive più di cinque anni.

 

"Molti pazienti a cui è stato recentemente diagnosticato un carcinoma uroteliale avanzato beneficiano della chemioterapia iniziale, ma ancora necessitiamo di opzioni terapeutiche che possano aiutare i pazienti a vivere più a lungo", ha dichiarato Andrea Maddox-Smith, CEO del Bladder Cancer Advocacy Network. "Sosteniamo fortemente lo sviluppo di nuovi e promettenti trattamenti come avelumab che possano offrire speranza ai pazienti e ai loro cari".

 

Per i pazienti il cui tumore non progredisce dopo la chemioterapia a base di platino, avelumab viene somministrato come trattamento di mantenimento di prima linea fino alla progressione della malattia o alla comparsa di tossicità inaccettabili.

 

Nel 2017, l’FDA ha approvato avelumab con una procedura accelerata per il trattamento di pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico che hanno manifestato una progressione della malattia durante o a seguito della chemioterapia a base platino o nei 12 mesi successivi di trattamento con chemioterapia neoadiuvante o adiuvante a base di platino, sulla base del tasso di risposta al tumore e della durata della risposta. La conferma di tale approvazione era subordinata alla verifica del beneficio clinico, dimostrato nello studio JAVELIN Bladder 100. La FDA ha ora modificato l’approvazione accelerata in approvazione completa.

 

“L'approvazione di avelumab nel trattamento del tipo più comune di cancro avanzato della vescica sottolinea il nostro impegno nel promuovere l'innovazione scientifica e a voler migliorare notevolmente gli outcome per le persone con tumori genitourinari” dichiara Andy Schmeltz, Global President, Pfizer Oncology.

 

“Grazie a questa approvazione, abbiamo l'opportunità di cambiare radicalmente lo standard di cura di prima linea del tumore avanzato della vescica in questo setting. Il nostro obiettivo ora è quello di lavorare a stretto contatto con tutti coloro che si occupano di tumori genitourinari per garantire che questo nuovo paradigma di trattamento, che ha le potenzialità di cambiare la vita delle persone, venga rapidamente integrato nella pratica clinica” afferma Rehan Verjee, President of North America and Global Head of Innovative Medicine Franchises per il business biofarmaceutico di Merck.

 

____________________________________

 

Informazioni sullo studio clinico JAVELIN Bladder 100

JAVELIN Bladder 100 (NCT02603432) è uno studio di fase III, multicentrico, multinazionale, randomizzato, in aperto, a braccio parallelo, che studia il trattamento di mantenimento di prima linea con avelumab in associazione alla BSC rispetto alla sola BSC nei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico che non progrediscono alla chemioterapia di prima linea a base di platino utilizzando RECIST v1.1. Un totale di 700 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere avelumab (10 mg/kg di infusione endovenosa ogni 2 settimane) più la BSC (n = 350) o la BSC da sola (n = 350). L'endpoint primario era l'OS nelle due popolazioni primarie di tutti i pazienti randomizzati e dei pazienti con tumori PD-L1 positivi definiti dall’esame Ventana SP263. Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza libera da progressione, l'attività antitumorale, la sicurezza, la farmacocinetica, l'immunogenicità, i biomarcatori predittivi e gli esiti riportati dai pazienti nelle due popolazioni primarie. Tutti gli endpoint primari e secondari sono stati misurati dal momento della randomizzazione, dopo il completamento di 4-6 cicli di chemioterapia. Sono stati esclusi i pazienti con malattia autoimmune o una condizione medica di immunosoppressione.

 

Nei pazienti con un carcinoma PD-L1 positivo (n=358, 51%), il rischio di morte è stato ridotto del 44% nel braccio trattato con avelumab rispetto al braccio di controllo (HR 0,56; IC al 95%: da 0,40 a 0,79; 2-sided P < 0,001). Risultati coerenti sono stati osservati nei sottogruppi pre-specificati di risposta completa o parziale rispetto alla malattia stabile alla chemioterapia di prima linea.1 In un'analisi esplorativa di pazienti con tumori PD-L1 negativi (n = 271, 39%), il rapporto di rischio OS era 0,85 (IC al 95%: 0,62, 1,18). Una reazione avversa fatale (sepsi) si è verificata in un paziente che ha ricevuto avelumab in associazione a BSC (0,3%). Reazioni avverse gravi si sono verificate nel 28% dei pazienti trattati con avelumab più BSC. Le reazioni avverse gravi nel ≥1% dei pazienti includevano infezione del tratto urinario (inclusa infezione renale, pielonefrite e urosepsi) (6,1%), dolore (tra cui dolore addominale, alla schiena, alle ossa, al fianco, alle estremità e dolore pelvico) (3,2%), danno renale acuto (1,7%), ematuria (1,5%), sepsi (1,2%) e reazioni correlate alla sede di infusione (1,2%). Le reazioni avverse più comuni (≥20%) nei pazienti che hanno ricevuto avelumab più BSC sono state affaticamento, dolore muscoloscheletrico, infezione del tratto urinario ed eruzione cutanea.1

Commenti
    Tags:
    carcinoma urotelialefdaavelumabmerckpfizer
    Loading...
    in evidenza
    Patrik Schick, gol da antologia La sensuale Krystina festeggia

    Euro2020 show

    Patrik Schick, gol da antologia
    La sensuale Krystina festeggia

    i più visti
    in vetrina
    Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...

    Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...


    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

    Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.