A- A+
Medicina
Abbassare il diabete controllando gli orari dei pasti

Diabete: come tenerlo sotto controllo

Recenti studi hanno scoperto che per tenere sotto controllo il diabete non è importante solo cosa si mangia, ma anche quando si mangia. La ricerca si concentra soprattutto su persone affette da diabete di tipo 2 e rileva come sia possibile mantenere basso il livello di zucchero nel sangue facendo attenzione agli orari dei pasti, senza modificare le abitudini alimentari. E' stato rilevato che sarebbe consigliabile mangiare ogni giorno in un arco temporale di 9 ore.

Diabete: cosa mangiare e quando

È risaputo che per tenere sotto controllo il diabete è necessario curare l’alimentazione, facendo attenzione agli zuccheri. Esistono diversi cibi con un basso indice glicemico da inserire all’interno della dieta, per abbassare il livello di glucosio.

Recenti studi condotti in Australia e in California, rispettivamente nell’Università di Adelaide e nel Salk Institute for Biological Studies, a La Jolla, hanno scoperto che è possibile controllare il diabete, mangiando entro un arco temporale limitato.

15 uomini a rischio di diabete di tipo 2, di età compresa tra i 30 ed i 70 anni, ognuno con una circonferenza di minimo 102 cm, hanno limitato per una settimana l’assunzione di cibo ad un periodo di 9 ore al giorno. I partecipanti hanno dunque consumato i pasti giornalieri a cui erano abituati, senza modificare la loro dieta, limitandoli ad un orario che andava dalle 8 del mattino alle 17, oppure da mezzogiorno alle 21 di sera.

La professoressa Leonie Heilbronn ha spiegato che, durante l’esperimento, i partecipanti “hanno seguito la loro dieta normale. Infatti abbiamo detto loro di continuare a mangiare tutti gli alimenti che mangiano abitualmente”.

Diabete: come abbassare il livello di zucchero controllando gli orari dei pasti

I ricercatori hanno misurato i livelli di glicemia dei 15 uomini ogni giorno della settimana. Hanno così rilevato che consumare cibo in un arco di tempo limitato alle 9ore consente di controllare il diabete, migliorando il livello di glucosio.

“I nostri risultati suggeriscono che gestendo il quando si mangia piuttosto che il cosa, è possibile migliorare il controllo del glucosio” ha affermato la Heilbronn. Ha poi però ammesso che i ricercatori “hanno visto una piccola quantità di perdita di peso in questo studio, che potrebbe aver contribuito al risultati”.

Ha poi concluso che “se è vero che questi primi risultati mostrano alcune promesse per il controllo della glicemia, è necessario uno studio più ampio e di una durata più lunga per indagare completamente sull’efficacia di questo schema di consumo limitato nel tempo”.

Commenti
    Tags:
    diabetediabete alimenticonsigli diabetediabete cosa mangiarediabete quando mangiarediabete come abbassarlodiabete controllatodiabete controllo glicemico
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford presenta il Transit Connect da 1 tonnellata

    Ford presenta il Transit Connect da 1 tonnellata


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.