A- A+
Medicina
Italia, il Paese dei depressi: soffrono in milioni, ma i farmaci sono insicuri
(foto Imagoeconomica)

La maggior parte degli antidepressivi prescritti per il dolore cronico non hanno prove affidabili di efficacia o sicurezza, avvertono gli scienziati UK. Eppure c’è stato un aumento in tutta Europa del 147%

“Hai la depressione? Fatti prescrivere dal medico il farmaco X”. Così dice la pubblicità. Ma “il sintomo è una metafora”, scriveva Jacques Lacan, lo psicanalista francese che ha squarciato la cultura contemporanea. Anche il dolore è un sintomo, un avvertimento che se non ascoltato può col tempo degenerare in qualcos’altro, anche in malattia.

Nella cultura contemporanea di massa invece si è portati a pensare che i sintomi siano da eliminare, senza cercare di capire quale messaggio portano. Le cause del male, o meglio ancora i sintomi, sono da sedare. Niente psicanalisi, conoscenza del se e discipline annesse, troppa fatica.

Peccato che una ricerca delle Università di Southampton, Bath, Bristol e University College London, che ha analizzato 30.000 casi del Servizio Sanitario Nazionale britannico, abbia scoperto che la stragrande maggioranza degli antidepressivi che la gente utilizza per il dolore cronico non funzionano. Non vi sarebbero neanche dati a lungo termine sulla sicurezza di questi farmaci. Alla base della valutazione vengono citati 176 sotto studi. Ma accertato questo la potenza del farmaco non viene scalfita dalle parole degli analisti.

A nulla sono servite le loro richieste di una revisione delle attuali linee guida sulla prescrizione stabilite dal National Institute for Health and Care Excellence (NICE): l'ente ha reagito sostenendo non vi siano ragioni "sufficienti" per modificare le linee guida attuali. Nella casistica analizzata solo un farmaco molto costoso ha mostrato segni di efficacia ma non sono del tutto certi gli altri effetti sul lungo periodo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
antidepressividepressionedepressivifarmaciquanti usano psicofarmaciukuso




in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria


motori
Volkswagen lancia il progetto per l’auto elettrica da 20.000 euro

Volkswagen lancia il progetto per l’auto elettrica da 20.000 euro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.