A- A+
Medicina
Mal d’autunno: 1 italiano su 3 a rischio ansia e malumore in autunno

Mal d’autunno: sempre più italiani a rischio ansia e malumore in autunno

Con l’arrivo dell'autunno, complici le giornate più corte e condizioni meteo più opprimenti, un italiano su 3 è prossimo a provare ansia e malumore. La percentuale di popolazione colpita dal mal d’autunno è il 32%.

Cos’è il mal d’autunno: 1 italiano su 3 ne soffre

Il mal d’autunno è un tipo di disturbo stagionale descritto nella quinta edizione del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali come Disturbo depressivo maggiore ricorrente. Sempre più spesso, all’arrivo della stagione invernale,  compaiono fastidiosi sintomi fisici e psicologici. Dolori articolari e muscolari, affaticamento, stanchezza, difficoltà di concentrazione, aumentato bisogno di cibo e di sonno: questi sono alcuni dei segnali più comuni del cambio stagionale.

Mal d’autunno e sentimenti negativi: perché si soffre con l’arrivo dell’autunno

Ma cosa accentua i sentimenti negativi con l’arrivo dell’autunno? Secondo un’indagine condotta da In a Bottle quasi 4 italiani su 10, circa il 37% della popolazione, mettono la poca luce a disposizione durante il giorno. Per un italiano su 3, il 31% della popolazione la risposta è invece il freddo, la nebbia (16%) o la pioggia (11%). 
Il 41% dei soggetti intervistati si sentirebbe più ansioso e depresso per via della perdita del senso del tempo a causa anche del cambio d'ora e della riduzione delle ore di luce. 
Circa 2 italiani su 10, ovvero il 21%, fanno i conti con l'ansia di non riuscire a fare tutto, mentre ancora il 21% non sopporta di dover lavorare nelle ore di buio. 
Il 16%, infine, lamenta di non avere tempo per la vita sociale. Così circa un quarto dei soggetti monitorati (24%) confessa di avere problemi con il sonno e di dormire poco e male. 
Il 27% si sente triste e ha difficoltà nel rapportarsi con le altre persone durante le normali faccende quotidiane. Il 19% ammette di trovare rifugio nel cibo mentre il 18% si scopre poco reattivo e abbastanza apatico. Infine, il 9% degli italiani indagati confessa di avere un calo del desiderio sessuale.

Come difendersi dal mal d’autunno? Ecco gli strumenti per affrontare il cambio di stagione in autunno

Cosa fare allora per difendersi dal 'mal d'autunno'? 

Per il 34% degli esperti intervistati occorre non chiudersi in casa, ma continuare a coltivare la propria vita sociale. 
Per un esperto su 4 (25%) è bene non lasciarsi andare a un'alimentazione sregolata: una dieta sana deve essere accompagnata da una corretta idratazione, raccomandano.

Il 16% degli esperti, infine, suggerisce l'approccio cromatico: indossare vestiti e accessori colorati fa da contrasto con il clima e i colori grigi dell'autunno e dà un certo relax e sollievo alla vista.


 

Commenti
    Tags:
    mal d’autunnocambio di stagione autunnoautunno
    in evidenza
    Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

    Meteo previsioni

    Aria fredda polare sull'Italia
    Fine maggio da... brividi

    i più visti
    in vetrina
    Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

    Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo ŠKODA KAROQ: design più raffinato e miglior efficienza

    Nuovo ŠKODA KAROQ: design più raffinato e miglior efficienza


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.