A- A+
Medicina
Morbillo: Italia epidemia. MORBILLO IN ITALIA: numeri mai così drammatici

Morbillo: Oms, in un anno 1.387 casi in Italia, 22% totale Europa


In Italia nell'ultimo anno si sono registrati 1.387 casi di Morbillo: e' il numero piu' alto in Europa, secondo solo al dato della Romania (2.702 infezioni) e ben superiore a quello di Germania (365), Polonia (145), Francia (126), Svizzera (105), Belgio (92) e Austria (89). Dei 6.186 casi registrati in tutto il continente, quelli italiani rappresentano da soli oltre il 22% del totale. Sono alcuni dei dati piu' recenti che verranno diffusi in contemporanea con la Settimana Mondiale dell'Immunizzazione #VaccineWork, che l'Organizzazione mondiale della sanita' promuove da oggi al 30 aprile. Nel periodo marzo 2016-febbraio 2017 risulta allarmante il rapido trend di crescita dei casi italiani di Morbillo: si passa dai 265 di gennaio ai 419 registrati a febbraio. A dicembre 2016 erano 90, a novembre 84, a ottobre 76, a settembre 56. "Abbassare i livelli di copertura vaccinale - premette Flavia Bustreo, vice direttore generale Salute della Famiglia, delle Donne e dei Bambini dell'Oms - permettera' il ritorno di malattie mortali che avevamo debellato. Tra il 2000 e il 2015 il vaccino ha impedito 20,3 milioni di morti nel mondo, ma gli ultimi dati dimostrano che e' quanto mai urgente tornare a promuovere con efficacia, determinazione e, soprattutto, chiarezza i benefici della vaccinazione. A causa della diffusione di bufale e falsi miti, spesso alimentati da ingiustificati allarmismi mediatici, stiamo rischiando di fare pericolosi passi indietro. I vaccini - conclude - sono sicuri e vantaggiosi, non vi e' alcuna base scientifica che provi legame o correlazione tra questi e alcune patologie come, per esempio, l'autismo".


Morbillo: Italia secondo Paese con più casi in Europa


A livello globale 19,4 milioni di bambini nel mondo non sono ancora pienamente protetti da malattie facilmente evitabili e prevenibili dai vaccini. Tra queste anche il Morbillo che resta una delle principali cause di morte tra i piu' piccoli: nel 2015 ci sono state nel mondo 134.200 morti a causa di questa malattia infettiva, nella maggior parte dei casi bambini al di sotto dei 5 anni; in media 367 morti ogni giorno, 15 morti ogni ora. Tra il 2000 e il 2015 si stima che la vaccinazione abbia favorito un calo dei decessi per Morbillo del 79%: nel 2015 circa l'85% dei bambini nel mondo ha ricevuto una dose di vaccino anti Morbillo entro il primo anno di vita, nel 2000 la copertura era del 73%. Ma nonostante i progressi, ogni anno 1,5 milioni di bambini muoiono ancora a causa di malattie prevenibili attraverso i vaccini. E nonostante sempre piu' bambini abbiano accesso ai programmi di immunizzazione, dal 2010 a oggi l'aumento della copertura globale e' stata appena dell'1%. Un progresso molto lento che mette a repentaglio la salute dei piu' piccoli: ci sono ancora oggi Paesi del mondo dove la vaccinazione ancora stenta a superare la quota dell'80%, con un gap ancora forte rispetto al 95% necessario per assicurare protezione dalla malattia su larga scala. Dei 10,7 milioni di neonati che nascono ogni anno in Europa, circa 650.000 non ricevono la serie completa delle tre dosi di vaccino contro difterite, tetano e pertosse nel primo anno; e le popolazioni vulnerabili esistono in tutte le nazioni. "L'immunizzazione - conclude Bustreo - e' uno degli strumenti piu' efficaci a disposizione della sanita' pubblica, in termini di capacita' di salvare vite umane, e piu' in generale garantisce enormi benefici anche economici. Secondo le nostre stime, ogni dollaro investito in immunizzazione restituisce 16 dollari in risparmi sanitari. E' necessario mantenere un forte supporto da parte del mondo scientifico, ma anche politico e dell'opinione pubblica sull'importanza dell'immunizzazione o anche la regione europea rischia il riemergere di malattie altamente contagiose, che possono causare infermita', disabilita' e morte"
 

MORBILLO, LORENZIN: EPIDEMIA CAUSATA DA CAMPAGNE NON SCIENTIFICHE


Le raccomandazioni dalle autorita' statunitensi su morbillo? In Europa c'e' stata un'epidemia con morti: e' una malattia pericolosa, viaggia perche' sono diminuite le vaccinazioni a causa di campagne che non hanno nulla di scientifico, fanno soltanto presa sulla paura delle persone". Al Tg Zero di Radio Capital Beatrice Lorenzin, ministra della Salute, commenta la decisione degli Stati Uniti di inserire l'Italia fra i paesi a rischio contagio del morbillo. Lorenzin torna anche sulla questione Report e sul Papilloma Virus: "Il vaccino contro il Papilloma Virus e' l'unico esistente contro il cancro: parliamo di un cancro aggressivo, terribile, che colpisce le donne giovani. Poterlo prevenire e' una grande cosa. Se dovrebbe esserci una puntata riparatoria di Report? Non entro in questo. Spero che ci siano moltissime campagne pro vaccinazioni facendo capire che cos'e' la vaccinazione"

Iscriviti alla newsletter
Tags:
morbillomorbillo italiamorbillo vaccinomorbillo casi italiaitalia morbillo
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.