A- A+
Medicina
Tumore al colon, al S.Anna di Ferrara una chirurgia innovativa e responsabile

L’intervento chirurgico per neoplasie del colon-retto prevede l’asportazione della porzione di intestino malata e dei linfonodi vicini. Per quanto concerne i tumori che insorgono negli ultimi centimetri dell’intestino, in questo caso è necessario un accurato studio preoperatorio per stabilire la posizione del tumore: se la neoplasia è particolarmente vicino all’ultimo tratto dell’intestino, l’intervento è demolitivo e prevede il posizionamento di un contenitore sterile di raccolta, purtroppo permanente.

Grazie ad una nuova tecnica operatoria, però, in una gran parte dei casi è possibile salvare la naturale funzionalità intestinale sia attraverso l’utilizzo di sofisticati sistemi di dissezione chirurgica, con un’innovativa tecnica mini-invasiva chiamata TA-TME (Trans Anal Total Mesorectal Excision), sia utilizzando un trattamento di radioterapia e chemioterapia pre-operatorio. Questo intervento permette di asportare radicalmente il tumore lasciando però indenne l’ultimo tratto dell’intestino,  praticando una sutura tra quest’ultimo e il colon. Il periodo post-operatorio è caratterizzato da una specifica riabilitazione funzionale dei muscoli del pavimento pelvico, associato a particolari indicazioni dietetiche e nutrizionali. Il paziente verrà quindi seguito periodicamente presso gli ambulatori.

“Quando parliamo di cancro il tema prioritario è quello di intervenire per salvare la vita e guarire il paziente. Ma contestualmente è importante, soprattutto per determinate patologie che richiedono interventi demolitivi, cercare di garantirgli anche la qualità di vita successiva – sottolinea l’assessore regionale alle Politiche per la Salute Raffaele Donini -. Non si tratta di un aspetto secondario, anzi, la qualità di un sistema sanitario si misura anche su questo. Sul fatto cioè che la ricerca e la tecnica clinica siano finalizzate anche al mantenimento di buoni livelli di vita per pazienti affetti da patologie gravi. Questo di Ferrara è un esempio che va esattamente in tal senso”.

“La ricerca rappresenta il volano per garantire una assistenza sanitaria migliore.  Questo aspetto caratterizza l’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Ferrara”, dove didattica ricerca e assistenza si integrano, una mission prioritaria dell’Ospedale. Sono le parole della dott.ssa Paola Bardasi, Commissario Straordinario del S. Anna.

“Sul piano del trattamento dei pazienti oncologici – prosegue Bardasi – è importante seguire la persona in tutte le fasi della sua patologia, dalla diagnosi ai controlli. Qui subentra il fondamentale ruolo del follow-up come garanzia di continuità delle cure e di presa in carico del paziente, che ha il beneficio di avere una qualità della vita sempre più alta. Prendersi cura del paziente è alla base del lavoro dei numerosi team di diversi specialisti, dei professionisti dell’ospedale di Cona, non solo per quanto riguarda questa specifica nuova tecnica, oggi presentata, ma anche in altri percorsi di cura, a dimostrazione di quella “sanità nascosta” che gioca un ruolo importante nell’assistenza. Un esempio tra tanti è il percorso dedicato alle donne operate al seno. Uno dei nostri compiti è quello di rendere merito e rendere conto delle opportunità, migliorando conoscenza e accesso, a tutti i cittadini non solo di Ferrara, della nostra Regione e di altre Regioni”.

L’equipe chirurgica e riabilitativa è composta da: prof. Paolo Carcoforo, dott. Daniele Marcello, dott. Giorgio Soliani, dott.ssa Simona Ascanelli.

“La tecnica chirurgica che applichiamo in Chirurgia 2 – dichiara il prof. Paolo Carcoforo - non è utilizzata in modo diffuso a livello nazionale. Questo fa sì che Ferrara rappresenti un centro di riferimento per il trattamento di questa patologia. L’obiettivo è quello di garantire il miglior risultato possibile in senso oncologico, riducendo al massimo il danno per il paziente: dolore, tempi di ospedalizzazione e conseguenze post operatorie. E’ fondamentale sottolineare l’importanza del trattamento riabilitativo-funzionale, soprattutto a livello del pavimento pelvico, e la conservazione della naturale funzionalità intestinale. L’obiettivo è duplice: da una parte ottenere un risultato poco invasivo per il paziente, dall’altra garantire una qualità anche alla ripresa post operatoria”.

“Questa nuova tecnica – dichiara il dott. Daniele Marcello -  è stata recentemente applicata presso la Chirurgia 2 e consiste in un intervento laparoscopico con duplice approccio, sia per via addominale che per via trans-anale. Questa tipologia di intervento permette di risparmiare l’apparato sfinteriale nel trattamento delle lesioni del retto e porta al paziente notevoli benefici. La lesione viene infatti asportata senza interventi invasivi. Ovviamente la tecnica chirurgica deve essere poi aiutata da una riabilitazione funzionale nel post operatorio”.

Ad eseguire questo tipo di operazione chirurgica l’equipe del prof. Paolo Carcoforo, Direttore dell’Unità Operativa di Chirurgia 2 dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria (Arcispedale “S.Anna” di Ferrara) che, tra le altre specializzazioni, da sempre si occupa del trattamento chirurgico e riabilitativo delle patologie del pavimento pelvico. Queste specifiche competenze hanno consentito di ottimizzare il TA-TME, che prevede la presenza di due equipe che operano contemporaneamente con approccio laparoscopico addominale e trans-anale sul pavimento pelvico, mediante due diversi video ad alta definizione. L’intervento prevede l’asportazione del tratto di intestino malato direttamente attraverso l’ano; per questo motivo il paziente presenterà solo quattro cicatrici chirurgiche di 1 cm, a differenza dell’intervento tradizionale che avrebbe previsto un taglio nell’addome associato ad una stomia permanente.

Come per tutti gli altri pazienti sottoposti a chirurgia del colon, nel Reparto di “Chirurgia 2” del S. Anna, viene applicato un protocollo di recupero accelerato chiamato ERAS (Enanced Recovery After Surgery) che prevede una precoce ripresa delle attività funzionali, con un più rapido ritorno al domicilio e alle proprie attività, associato ad un uso minimo di farmaci antidolorifici. Questi pazienti poi verranno presi in carico da un ambulatorio riabilitativo dedicato e saranno sottoposti ad una serie di trattamenti specifici (elettrostimolazione, biofeedback, peristeen) per una più rapida ed ottimale ripresa delle funzioni di eliminazione delle feci.

“Quando ti viene diagnosticato un tumore la tua vita cambia completamente”. Sono le parole del ferrarese Mauro Govoni, 61 anni, recentemente sottoposto a questa tecnica chirurgica. “Dopo aver effettuato lo screening per la prevenzione del tumore al colon-retto – ricorda Govoni - nel mese di luglio 2020 sono risultato positivo. In seguito a questo mi sono sottoposto a colonscopia che ha rilevato il tumore. Subito dopo il dott. Marcello, con estrema chiarezza e sincerità, mi ha esposto il percorso da seguire per l'asportazione, preannunciandomi che avrei dovuto subire una momentanea eliostomia. Il 16 ottobre sono stato sottoposto all’intervento e la nuova tecnica del team chirurgico del prof. Carcoforo mi ha permesso di togliere – dopo pochi mesi –la stomia. Il mio percorso, anche se impegnativo, mi porta dire che solo una precoce diagnosi e prevenzione regolare può salvare la vita umana. Voglio concludere riconoscendo che nel mio articolato cammino ho potuto constatare la grande professionalità e dedizione di tutto il personale sanitario”.

Questo approccio nel trattamento di un tumore che rappresenta la seconda neoplasia per incidenza in Italia, coniuga l’aspetto chirurgico con quello della riabilitazione e rappresenta un ulteriore passo avanti per un trattamento sempre meno invasivo dei pazienti. Un ruolo fondamentale, però, gioca la prevenzione. Il programma di screening della Regione Emilia – Romagna per il tumore del colon-retto è rivolto a uomini e donne, in un’età compresa fra 50 e 69 anni, invitati ogni due anni ad eseguire il test per la ricerca del sangue occulto nelle feci.

Commenti
    Tags:
    tumoretumore al colonferrarachirurgia
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    I ristoranti riaprono all'aperto E la pipì dietro un cespuglio?

    Covid vissuto con ironia...

    I ristoranti riaprono all'aperto
    E la pipì dietro un cespuglio?

    i più visti
    in vetrina
    Chiara Nasti e Nicolò Zaniolo si sono lasciati? Indizi clamorosi sull'addio

    Chiara Nasti e Nicolò Zaniolo si sono lasciati? Indizi clamorosi sull'addio


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Fiat Professional presenta il nuovo E-Ducato,100% elettrico

    Fiat Professional presenta il nuovo E-Ducato,100% elettrico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.