A- A+
Affari a Piazza Affari

"Affari a Piazza Affari", la rubrica realizzata in collaborazione tra Affaritaliani Milano e Websim Action con le cinque azioni milanesi che fanno impazzire il Mercato: 


                       Tutte le news e i titoli caldi su websimaction.it

I cinque titoli “lombardi” della settimana

1) Torna sotto i riflettori Ei Towers, nell’orbita del gruppo Fininvest, e anche stavolta la ragione è un possibile matrimonio con Rai Way. Rispetto al tentativo di scalata del 2014, però, stavolta Ei Towers è la preda e la società Rai il predatore. Dal punto di vista industriale l'operazione avrebbe molto senso per le sinergie che può esprimere. La situazione italiana è atipica, con tre operatori (i due suddetti e Inwit, di proprietà di Telecom) mentre in Europa mediamente esiste un monopolista nazionale nel settore. Il tentativo di integrazione portato avanti da Ei Towers ormai quasi tre anni fa era stato bloccato per ragioni più politiche che economiche.

2) Il 2016 è stato un anno storico per il gruppo Brembo, che ha chiuso il 2016 con un utile netto di 240,6 milioni, in crescita del 30,8% rispetto all'anno precedente. Il fatturato è cresciuto del 9,9% a 2,28 miliardi. Tuttavia un numero crescente di analisti reputano ormai il titolo sopravvalutato rispetto ai seppur ottimi risultati economici. In Borsa però le azioni non mostrano cedimenti e negli ultimi giorni hanno solo leggermente arretrato a 65 euro dai massimi storici a 66 euro.

3) Successo per l’aumento di capitale di Digital Magics che in poche sedute ha guadagnato il 20%. Con questa operazione l’acceleratore di startup meneghino quotato sul mercato Aim Italia ha raccolto 4,97 milioni di euro di risorse fresche e favorito l’ingresso nella società di diversi nuovi soci di peso, primo tra tutti Multiversity holding di Danilo Iervolino, che ha investito 1,9 milioni e sarà azionista con il 7% circa. Il socio storico Tamburi Investment Partners ha rafforzato la sua posizione sottoscrivendo parte della piccola quota di inoptato e raggiungendo il 18% del capitale (qui tutti i dettagli sull’operazione).

4) Secondo indiscrezioni di stampa ci sono due società lombarde in prima fila per l’acquisto dei crediti in sofferenza dell’istituto che nascerà dalla fusione di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza. Si tratta di Cerved e di Prelios, entrambe interessate ad espandere le loro attività nel settore della gestione dei crediti in sofferenza. Tra gli operatori interessati oltre a Cerved e Prelios ci sarebbero Fonspa, Italfondiario, Lone Star, Pimco e Banca Ifis.

5) Risultati 2016 sopra le aspettative per TXT e-Solutions. Il CdA della società milanese ha approvato il bilancio 2016, che ha visto una crescita del fatturato del 12,4% a 69,2 milioni di euro.  I profitti sono stati superiori alle stime degli analisti, con un utile netto a 5,6 milioni di euro (+43,1%). Il management ha proposto la distribuzione di un dividendo da 30 centesimi per azione, in crescita dai 25 centesimi del 2015. Il 2016 di TXT è sia stato contraddistinto dall’acquisizione della società tedesca Pace GmbH (qui tutti i dettagli sul bilancio della società). Il titolo ha reagito consolidando i rialzi, che lo stanno portando vicino ad una soglia importante (qui la nostra analisi tecnica).

Tutti i contenuti sono forniti da: websimaction.it

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ei towersbrembodigital magicscervedpiazza affari
i blog di affari
Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.