A- A+
Milano
Aggressione con acido, la difesa di Boettcher: fu il complice ad agire
Alexander Boettcher e Martina Levato

Fu Andrea Magnani, forse assieme a un altro uomo, e non Alexander Boettcher, a gettare l'acido contro il 25enne Stefano Savi all'alba del 2 novembre scorso in via Quarto Cagnino, alla periferia di Milano. Lo ha sostenuto l'avvocato Ermanno Gorpia, difensore del broker tedesco, davanti al Tribunale del Riesame a cui si e' rivolto per chiedere l'annullamento dell'ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti del giovane e della sua amante, Martina Levato, il 18 aprile scorso con l'accusa di associazione a delinquere. I giudici si sono riservati di decidere nei prossimi giorni. L'aggressione, e' la tesi di Gorpia, non avvenne per un errore, come sostenuto dalla Procura secondo la quale Savi sarebbe caduto vittima di un agguato perche' Boettcher e Levato lo avrebbero scambiato per il fotografo Giuliano Carparelli. Boettcher e Levato erano gia' stati arrestati a fine dicembre per avere sfigurato con l'acido il 22enne Pietro Barbini e per questo episodio sono gia' a processo.

Nella sua discussione durata oltre due ore, l'avvocato Gorpia ha sottolineato le incongruenze, a suo dire, della Procura e le "menzogne" messe a verbale da Magnani che aveva accusato il broker per le aggressioni a Savi e a Carparelli. Secondo la difesa, le quattro impronte trovate vicino all'ingresso dell'abitazione di Savi sono di una scarpa numero 44, mentre Boettcher indossa il 42,5. Oggi in aula, Boettcher ha mostrato le scarpe da ginnastica che indossava per dimostrare che la lunghezza del suo piede non e' compatibile con alcune impronte rintracciate sulla scena del crimine. Savi, inoltre, avrebbe descritto una figura molto piu' simile a Magnani che al broker. "Marina Levato - ha aggiunto Gorpia per escludere l'ipotesi dello scambio di persona - monitorava il profilo Facebook di Carparelli gia' dallo scorso ottobre". E ancora, ha evidenziato Gorpia, "dalle telecamere di sicurezza posizionate all'angolo tra via San Giusto e via Quarto Cagnino si vede correre un uomo con le ginocchia rientranti, difetto posturale di Magnani". La difesa ha chiesto una serie di accertamenti su filmati, tabulati telefonici e sulla possibile presenza di altri complici.

Tags:
alexander boettchermarina levatoandrea magnanistefano savi






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.