A- A+
Milano
Aggressione con machete, in aula anche il capotreno ferito
Aggressione con machete: i fotogrammi (da TgR Lombardia Rai)

Si è aperto oggi a Milano il processo con rito abbreviato contro i 6 sudamericani accusati della violenta aggressione avvenuta lo scorso 11 giugno alla stazione di Villapizzone, durante la quale uno dei ferrovieri coinvolti ha riportato danni permanenti per i colpi di machete subiti. In tribunale c'era anche Carlo Di Napoli, il ferroviere che ha rischiato di perdere l'uso del braccio: "Per recuperare del tutto potrebbero servire ancora 12 mesi, spero di poter tornare al più presto al lavoro e lasciarmi alle spalle questa brutta esperienza. Ho deciso di essere in aula per vedre le persone che ci hanno aggredito".

La Lega Nord di Milano, con il segretario provinciale Davide Boni, si schiera con una nota per una condanna esemplare: ‘La magistratura deve certamente assolvere il proprio compito, ma riteniamo oltremodo ingiusto, e fuori da ogni cognizione logica, che reati di grave entità possano beneficiare di sconti di pena e vantaggi di alcun genere. Sarebbe opportuno e ragionevole che il Parlamento legiferasse in tal senso, perché chi commette reati odiosi vada a regolare processo, e paghi le sue colpe fino all’ultimo giorno di pena, senza favori ne regalie’".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
carlo di napolimachetevillapizzone






A2A
A2A
i blog di affari
la nomina dell'esperto per il risanamento aziendale (2)
Angelo Andriulo
Porto di Trieste, sgombero con gli idranti: il "potere" che spegne la rivolta
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Meglio praticare sport o fare una dieta?
Anna Capuano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.