A- A+
Milano
“Alberto Genovese può uscire dal carcere”. Così la Procura Generale di Milano
Alberto Genovese

“Alberto Genovese può uscire dal carcere”. Così la Procura Generale di Milano

Secondo quanto riferisce l’ANSA, la Procura generale di Milano ha dato parere favorevole all'istanza di affidamento terapeutico in una comunità presentata dalla difesa di Alberto Genovese, l'ex imprenditore del web già condannato in via definitiva a 6 anni, 11 mesi e 10 giorni, per due casi di violenza sessuale su due modelle stordite con mix di droghe.

Genovese era tornato in carcere, dopo essere stato ai domiciliari in una clinica per disintossicarsi

Genovese era tornato in carcere, dopo essere stato ai domiciliari in una clinica per disintossicarsi, lo scorso 13 febbraio in esecuzione della pena definitiva. Nel pomeriggio di oggi si è tenuta, davanti ai giudici della Sorveglianza (presidente Cossia, relatore Luerti e due esperti), l'udienza per discutere l'istanza della difesa dell'ex fondatore di start up digitali. Da quanto si è saputo, la pena residua, tolto il cosiddetto pre-sofferto, che Genovese deve ancora scontare è inferiore ai 4 anni e ha già scontato anche, in sostanza, la parte di pena che copre le imputazioni di violenza sessuale, reato ostativo alla misura alternativa al carcere.

Le condizioni della pena hanno portato la PG a dare ragione alla difesa di Genovese

L'affidamento terapeutico, poi, si può richiedere quando la pena residua non supera i 6 anni. Tutte condizioni, dunque, che hanno portato anche la Procura generale (col sostituto pg Giuseppe De Benedetto) a dare parere favorevole alla richiesta della difesa. I giudici decideranno nei prossimi giorni.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
alberto genovesecarceremilanoprocura generale







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.