A- A+
Milano
Alberto Veronesi dirige un 'valzer di protesta' davanti a Palazzo Lombardia

Alberto Veronesi dirige un 'valzer di protesta' davanti a Palazzo Lombardia

Le note del 'Valzer dell'accelerazione' di Strauss, eseguite da alcuni musicisti diretti dal maestro Alberto Veronesi davanti a Palazzo Lombardia, per chiedere alla Regione "un cambio di passo" nella campagna vaccinale. L'iniziativa si è svota questa mattina ed è stata promossa dallo stesso Veronesi, già candidato alle scorse elezioni a Milano con la lista a sostegno di Sala e ora impegnato con il progetto civico "Lavoriamo per Milano con Sala" in vista delle prossime elezioni.

"Abbiamo scelto un brano che va dal 'lentissimo' al 'prestissimo' per simboleggiare un necessità di un cambio di passo nell'erogazione dei vaccini, uno stimolo alla regione Lombardia per fare presto e bene questi vaccini e riportare la sanità lombarda ad essere un faro di eccellenza per l'Italia", ha spiegato Veronesi a margine dell'iniziativa.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    alberto veronesipalazzo lombardia






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    La CGIL è la stampella dei padroni
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.