A- A+
Milano
Amazon: prima vittoria della Filt Cgil, da gennaio nuova vertenza

IMPRESE-LAVORO.COM - Milano - Il 3 dicembre scorso la Filt Cgil Milano ha incontrato Amazon Italia Transport. L’oggetto dell’incontro è stato il sotto inquadramento dei lavoratori del magazzino, i turni e gli orari di lavoro di questi e le pressioni che subiscono quotidianamente sul posto di lavoro. A seguito della recente sindacalizzazione infatti, la Filt ha intrapreso un percorso di assemblee e costruito la piattaforma di rivendicazione sindacale che ha portato alla trattativa del 3 dicembre.  “I lavoratori dei magazzini Amazon hanno avuto in questi anni un inquadramento contrattuale più basso di quello previsto dal contratto nazionale” dichiara Emanuele Barosselli, segretario regionale Filt. Nei mesi scorsi l’azienda ha più volte rimarcato che l’inquadramento al 6 livello del contratto nazionale Logistica fosse corretto infatti durante le riunioni promosse dalle risorse umane Amazon con i dipendenti del magazzino è stato comunicato che sarebbero rimasti per sempre al medesimo livello. Nonostante il tentativo di smorzare le nascenti proteste dei lavoratori, pochi giorni dopo la trattativa, il 17 dicembre, Amazon comunica a tutti i dipendenti del magazzino che gli verrà riconosciuto il 5 livello e trascorsi 24 mesi di anzianità convenzionale il 4 livello del contratto nazionale Logistica. “Il tentativo del colosso e-commerce è chiaro: screditare le dinamiche sindacali facendo credere che questo riconoscimento è un regalo di Natale quando è frutto del lavoro e della contrattazione” aggiunge Gallotta funzionario FILT che si occupa dell’azienda. A gennaio proseguiranno le trattative sulle questioni ancora non discusse e per mettere la parola fine agli episodi di razzismo e aggressione che in questi mesi hanno caratterizzato il lavoro in alcuni magazzini. La Filt Cgil proseguirà il proprio percorso considerando da subito la mobilitazione tra le prime iniziative da mettere in campo per richiedere ad Amazon il rispetto dei lavoratori e dell’organizzazione sindacale. “Per ora una prima grande vittoria ma da gennaio promuoveremo una vertenza per recuperare il salario perso in questi anni. Aziende come Amazon non possono pensare di infrangere le regole dei paesi dove lavorano. Rispettare la contrattazione fa parte delle questioni che Amazon dovrà digerire” conclude Luca Stanzione segretario generale Filt Cgil. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    amazonvittoriafilt cgilnuova vertenza






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
    CasaebottegaJalisse
    Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
    di Avv. Francesca Albi*


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.