A- A+
Milano
Ambiente e clima: solo un milanese su dieci usa la propria auto in città
Bici Milano

Ambiente e clima: solo un milanese su dieci usa la propria auto in città

Più di 7.500 milanesi hanno risposto al questionario su Ambiente e Cambiamenti climatici pubblicato sul sito del Comune di Milano alla metà di luglio. Cinque settimane di consultazione, fino all’inizio di settembre, sui temi della casa, del cibo, dei viaggi e della mobilità, del consumo e della gestione dei rifiuti. Il primo risultato, il più evidente è che 9 cittadini su 10 si dichiarano preoccupati dai cambiamenti climatici. Uno su cinque ne è invece preoccupatissimo. Una consapevolezza formata su quanto vissuto negli ultimi anni e che - già oggi - spinge i milanesi a mettere in atto buone pratiche compiendo la raccolta differenziata (99%), utilizzando i mezzi di trasporto pubblico (60%) e la bicicletta (15,2%, di cui il 2,3% in sharing) e riducendo lo spreco alimentare (83,5%). Dai cittadini, però, non sono arrivate solo risposte ma anche proposte e richieste: incentivare la raccolta del vuoto a rendere per il vetro e la plastica; stimolare e incentivare il rinnovamento del patrimonio edilizio; favorire l’economia circolare e il riuso per ridurre lo spreco; estendere le piste ciclabili per permettere la mobilità sostenibile.

Il 99 per cento dei milanesi dichiara di fare la raccolta differenziata, solo uno su dieci afferma di spostarsi dento la città utilizzando la propria auto: il 40% usa i mezzi pubblici, con metro in testa. Il15 per cento la bicicletta, il 18,6 gira la città a piedi. L'analisi completa dei dati a QUESTO LINK

Ieri a Palazzo Marino, l’assessore alla Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open data, Lorenzo Lipparini ha presentato l’analisi delle risposte al questionario: “I milanesi hanno partecipato numerosissimi a questa nuova consultazione pubblica. Un questionario approfondito ma efficace nel rivelare la conoscenza e l’attenzione ai temi ambientali. Il risultato è stato molto soddisfacente per numero di contatti, circa 10.000, con oltre 7.500 questionari compilati in ogni parte. Certamente – ha proseguito Lipparini – i milanesi hanno a cuore l’ambiente e sono disposti a fare la propria parte per avere una città che affronta il problema del cambiamento climatico mettendo in atto comportamenti virtuosi e uno stile di vita sostenibile e solidale. Il questionario proposto ai milenesi è il primo passo di un articolato percorso di partecipazione che porterà, attraverso vari momenti di condivisione con la città, all’adozione del Piano Aria e Clima”.

Cos’è il Piano Aria Clima

Il 4 ottobre 2019 con la Deliberazione n. 1653 la Giunta Comunale ha approvato le linee di indirizzo per l'avvio del procedimento di elaborazione del Piano Aria e Clima, uno strumento volto a ridurre l’inquinamento atmosferico, a tutela della salute e dell’ambiente, e rispondere all’emergenza climatica.

Quali obiettivi si pone il Piano Aria ClimaIl Piano si propone di raggiungere tre obiettivi:- rientrare nei valori limite delle concentrazioni degli inquinanti atmosferici PM10 e NOx (polveri sottili e ossidi di azoto) fissati dalla Direttiva 2008/50/EC (recepita dal D.Lgs 155/2010 e s.m.i.) a tutela della salute pubblica;-  ridurre le emissioni di CO2 (anidride carbonica) del 45% al 2030 e diventare una Città Carbon Neutral al 2050;-  contribuire a contenere l'aumento locale della temperatura urbana entro i 2°C.

L’efficacia del Piano è fortemente legata all’azione individuale di ogni singolo cittadino. Solo la collaborazione di tutti potrà portare a cambiamenti di stile di vita atti a ridurre inquinamento, utilizzo delle risorse e produzione di rifiuti. Cittadini, organizzazioni e aziende possono dare il loro contributo visitando la pagina del Piano Aria Clima al link: https://www.comune.milano.it/piano-aria-clima.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    ambienteclimamilanolorenzo lipparini






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    La CGIL è la stampella dei padroni
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.