A- A+
Milano
Anche 2mila anni fa i milanesi erano alti come oggi
Scheletro di una vittima dell'eruzione del Vesuvio, Pompei. foto di repertorio

Anche 2mila anni fa i milanesi erano alti come oggi

La statura media degli abitanti di Milano è rimasta stabile negli ultimi 2.000 anni: si attesta intorno ai 168,5 centimetri per gli uomini e a 157,8 centimetri per le donne. Questo dato si differenzia dal resto d'Europa, probabilmente perché la ricchezza di risorse del territorio e le mura difensive della città hanno garantito condizioni di vita migliori.

E' quanto emerge, come riferisce Ansa, dall'analisi dei resti di oltre 500 individui sepolti a Milano  dall'età romana a oggi, esaminati dai ricercatori del Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute dell'Università degli Studi di Milano. Lo studio, coordinato dalla paleopatologa Lucie Biehler-Gomez, è pubblicato su Scientific Reports.

La ricerca sui resti dei milanesi

"Ci sono studi, in Europa, che vedono un'oscillazione ben definita della statura nel tempo - spiega Lucie Biehler-Gomez - con un andamento 'a U', dunque con valori più alti in Età Romana e nell'Alto Medioevo, più bassi tra Basso Medioevo e Età Moderna e nuovamente più alti in epoca contemporanea. Il nostro intento era verificare se la popolazione di Milano seguisse questa tendenza". Per scoprirlo, i ricercatori hanno selezionato oltre 50 scheletri femminili e 50 maschili per periodo analizzato (ovvero Età Romana, Alto Medioevo, Basso Medioevo, Età Moderna ed Età Contemporanea), tutti appartenenti alla Cal, la Collezione Antropologica del Laboratorio di Antropologia e Odontologia Forense (Labanof) dell'Università Statale e rappresentativi del patrimonio scheletrico di Milano  negli ultimi 2.000 anni.

La statura come indicatore di salute e delle dinamiche sociali

La statura è un carattere determinato sia dalla genetica che dalle influenze ambientali ed è spesso utilizzato come indicatore della salute e delle dinamiche sociali delle antiche popolazioni umane. "In questo studio abbiamo incluso solo individui di Milano, in modo da avere un'ampia visione diacronica, limitando le influenze legate alla geografia del territorio", continua Lucie Biehler-Gomez. "Si è scelto inoltre di limitare il bias dovuto allo stato socioeconomico degli individui, scegliendo scheletri appartenenti a un ceto medio-basso. Infine, abbiamo scelto di considerare la gente comune, in modo che il campione non fosse influenzato da altri fattori, come ad esempio le vittime di guerra".

I risultati dimostrano che la statura dei maschi variava tra 152 e 195,4 centimetri, con una media di 168,5 centimetri, simile in tutte le epoche considerate; per le donne variava da 143,5 a 177,6 centimetri, con una media di 157,8 centimetri, anche in questo caso senza variazioni significative tra le epoche. "La nostra ricerca si inserisce nel più ampio progetto di ricostruzione storica della città di Milano negli ultimi 2.000 anni", aggiunge Mirko Mattia, bioarcheologo del Labanof e co-autore della pubblicazione. "Grazie all'unicità della Collezione Antropologica del Labanof, questo studio può rappresentare il punto di partenza per analisi successive, ad esempio le patologie presenti o che sono poi scomparse, o le categorie di persone vulnerabili e fragili nel tempo"

Iscriviti alla newsletter
Tags:
analisimilanostaturastudiouniversità






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.