A- A+
Milano
Armi da guerra, compravendita illegale: maxi-sequestro da 2 milioni

Sono operai, ex dipendenti pubblici, infermiere, autisti e muratori in pensione. Vite tranquille, insospettabili, dicono gli inquirenti. Ma sono anche i protagonisti del piu' importante sequestro di armi da guerra avvenuto in Italia negli ultimi anni: oltre 200 tra mitragliette, fucili, pistole, incluse armi micidiali come kalashnikov ed M60, sequestrate nel corso dell'operazione "Arma Letale" condotta dai carabinieri della compagnia di Legnano e coordinata dalle procure di Busto Arsizio, Bergamo e Brescia, che ha condotto all'arresto di 8 persone. L'indagine, ha raccontato il sostituto procuratore di Busto Arsizio Francesca Gentilini, nasce nel febbraio scorso dalla segnalazione di un informatore in merito a una pistola nascosta in casa da due fratelli gemelli di Castano Primo, ma quando gli investigatori hanno proceduto alle prime perquisizioni hanno trovato altre armi, incluso un kalashnikov che uno dei gemelli nascondeva sotto il letto del figlio di sei anni. Da qui in poi l'inchiesta ha condotto alla scoperta di un sottobosco di fanatici che si incontravano spesso alle fiere di settore e avevano messo in piedi un mercato parallelo, e illegale, di armi da guerra.

Tra loro c'erano dei veri e propri "professionisti", come un ultraottantenne ex muratore della provincia di Brescia che nel sottotetto della sua villetta aveva creato un laboratorio avanzato nel quale era in grado di modificare i fucili e creare precisissimi silenziatori artigianali. Le indagini, ha spiegato il capitano della compagnia di Legnano Francesco Cantarella, proseguono, perche' rimangono ancora molti punti da chiarire: non e' stato ancora stabilito, ad esempio, se fucili e mitragliette siano stati impiegati nel compimento di reati, cosi' come resta ancora da stabilire dove gli indagati si procurassero munizioni sofisticate come quelle in uso alle contraeree di diverse nazioni, e soprattutto se e dove le rivendessero. Di sicuro, il valore delle armi sequestrate finora supera ampiamente i 200mila euro.

Tags:
armi da guerracarabinierisequestroarma letale







A2A
A2A
i blog di affari
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.