A- A+
Milano
Attila, la Prima della Scala ad Ar.Se e sul battello dei Navigli

Attila, la Prima della Scala ad Ar.Se e lungo i Navigli

Il 9 Dicembre sarà riproposta l’Attila di Verdi a bordo di un battello sui navigli e nella seicentesca Cripta della Ca’ Granda. 

Quest’anno l’appuntamento culturale milanese per eccellenza lo si potrà rivivere in due location uniche. Grazie alla collaborazione tra il Gruppo MilanoCard, Rai Com e il Teatro alla Scala di Milano, il 9 Dicembre a partire dalla ore 15.30 sarà possibile rivedere l’Attila di Verdi - l’Opera che inaugurerà la stagione scaligera - alla seicentesca Cripta della Ca’ Granda (ore 15.30) e a Cinema Bianchini a bordo di un Battello sui Navigli (ore 19.50). Entrambe le proiezioni saranno introdotte da un critico d’Opera.

“Cogliamo l’occasione della prima scaligera per inaugurare un percorso che permetterà di vivere luoghi e spazi di Milano grazie all’opera lirica. Riproporre a pochi giorni di distanza dal 7 Dicembre la Prima della Scala, in luoghi ricchi di storia e tradizione quali la Ca’ Granda e i Navigli è un’opportunità per i milanesi e i visitatori di vivere due eccellenze della città, l’Opera e la sua storia” dichiara Edoardo Filippo Scarpellini, Amministratore Delegato del Gruppo MilanoCard. 

INFORMAZIONI IMPORTANTI

PRIMA DELLA SCALA AD AR.SE – IL PERCORSO DEI SEGRETI
Quando: domenica 9 Dicembre, h 15.30
Dove: Ar.Se – il Percorso dei Segreti, via Francesco Sforza 32, Milano
Prezzo: 12€ (inclusivo di accesso ad Ar.Se, visita accompagnata all’Archivio storico e Sepolcreto, e proiezione della Prima della Scala) oppure 6€ visita alla Cripta e Prima della Scala.
Informazioni: www.arsemilano.it/scala/

PRIMA DELLA SCALA A CINEMA BIANCHINI
Quando: domenica 9 Dicembre, h 18.00
Dove: Cinema Bianchini, imbarco in via Francesco Sforza 32, Milano
Prezzo: 14€ (inclusivo di navigazione a bordo del caldo battello, proiezione della Prima della Scala e calda tisana)
Informazioni: www.cinemabianchini.it/scala/

L’OPERA: ATTILA DI GIUSEPPE VERDI
Il 7 dicembre torna verdiano con Attila, nona opera del compositore Giuseppe Verdi andata in scena al Teatro La Fenice nel 1846. Il Direttore Musicale Riccardo Chailly approfondisce la lettura delle opere del giovane Verdi dopo aver inaugurato la Stagione 2015/2016 con Giovanna d’Arco, che vide la luce nel 1845, e prosegue con il regista Davide Livermore una collaborazione che alla Scala ha già avuto un esito felice con Don Pasquale di Donizetti. Con Livermore tornano gli scenografi dello Studio Giò Forma, garanzia di equilibrio tra eleganza visuale e innovazione tecnologica, e il costumista Gianluca Falaschi. Opera complessa in cui Verdi sperimenta nuovi percorsi tra ambientazione storica, impatto spettacolare, squarci psicologici e incertezze morali, Attila chiede ai cantanti slancio e sicurezza ma anche capacità di trovare accenti e sfumature. Protagonista è Ildar Abdrazakov, basso di riferimento dei nostri anni, mentre la difficile parte di Odabella è affidata a Saioa Hernández, che debutta alla Scala dopo una rapida ascesa tra le più interessanti voci emergenti. Foresto ha lo squillo sicuro di Fabio Sartori, mentre nella parte di Ezio torna George Petean.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    attila






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
    di Maurizio De Caro
    Quando artisti e comunicatori uniti diventano Ambasciatori di Pace
    CasaebottegaJalisse
    Covid, nuovi varianti in vista: l'emergenza virale è normalità
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.