A- A+
Milano
Avvocato lascia in eredità 5,6 milioni di euro a Milano

Ha lasciato una fortuna da 5,6 milioni di euro in eredità... al Comune di Milano. Autore del gesto è Rinaldo Spataro, avvocato milanese, nato nel 1940 da immigrati calabresi e morto annegato nel canale Muzza il 28 giugno scorso. Senza moglie né figli, il suo testamento ne ha illustrato le ultime volontà. Una sola richiesta: che tutto il suo patrimonio vada in "opere di beneficenza e di assistenza ai bisognosi". Un lascito generosissimo alla città "dove sono nato e vissuto" e che "ha avuto un particolare significato nello sviluppo della mia personalità e della mia esistenza, mi ha dato tutto".

Questi i beni che l'uomo ha lasciato: un negozio di 62 metri quadrati in via Melchiorre Gioia, un box in viale Bligny, un quadrilocale in via Visconti Venosta, un appartamento di sei locali in corso Indipendenza e un trilocale a Cesano Boscone. Nel testamento anche 50mila euro per una vecchia fiamma di gioventù e un lascito per chi si è occupato delle esequie.

Tags:
rinaldo spatarotestamentoeredità







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.