A- A+
Milano
Ballottaggi, in Lombardia finisce 9-5 per il centrodestra. Lecco e Mantova a sinistra

Domenica di ballottaggio in 14 comuni della Lombardia. Un turno elettorale caratterizzato soprattutto dalla fortissima flessione dell’affluenza: solo il 44,82 per cento degli aventi diritto si è presentato alle urne (il 31 maggio scorso, al primo turno, la percentuale era stata del 55,08%). Previsioni rispettate per quanto riguarda le Comunali nei due capoluoghi di provincia della Lombardia. Sia a Lecco sia a Mantova il successo è andato al rappresentante del centrosinistra, come era previsto alla luce anche dei risultati del primo turno il 31 maggio scorso. A Lecco è stato riconfermato sindaco Virginio Brivio: con il 53,38 per cento dei voti ha avuto la meglio su Alberto Negrini (45,62 per cento) sostenuto da Lega e Forza Italia. A Mantova il centrosinistra torna alla guida del Comune dopo la sorprendente vittoria del centrodestra di cinque anni fa: ha vinto Mattia Palazzi con il 62,56 per cento dei voti che ha superato l’ex assessore regionale Paola Bulbarelli del centrodestra, la quale si è fermata al 37,44 per cento delle preferenze.

Urne chiuse in Lombardia, dove sono stati chiamati al voto per i ballottaggi in 14 Comuni circa 400mila lombardi. Il primo dato certo è relativo al crollo dell'affluenza, con una percentuale che si attesta al 44,81%, ben 11 punti in meno rispetto al primo turno. Il dato più basso è quello della provincia di Milano, ferma al 41,03%: i quattro Comuni al ballottaggio sono Segrate, Cologno Monzese, Bollate e Corsico. A cui si aggiungono Saronno e Seregno. Fari puntati anche sulle partite più importanti: Lecco e Mantova.

LECCO: BRIVIO BIS/ A Lecco il sindaco uscente Virginio Brivio (Pd, Appello per Lecco, Vivere Lecco) può esultare per la vittoria su Alberto Negrini (Lega Nord, Forza Italia, FdI), staccato 53,38%-45,62%

MANTOVA: PALAZZI BATTE BULBARELLI/ Il candidato del centrosinistra Mattia Palazzi (Pd, Palazzi 2015, Sel, Popolari per Mantova) distacca nettamente Paola Bulbarelli  (Forza Italia, Lega Nord, Paola Bulbarelli è Mantova, Fdi-An): la forbice è di 62,56 a 37,44 per cento.

CORSICO: STORICA VITTORIA DEL CENTRODESTRA/ A Corsico il candidato del centrodestra Filippo Errante (Lega nord, Forza Italia, Corsico Vivere, FdI-An) strappa la fascia tricolore al sindaco in carica Maria Ferrucci (Pd, Insieme per Corsico, Corsico per Masiero, Sinistra Corsico decidiamo insieme, Città attiva): 57,06 a 42,94 per cento.

VIGEVANO SCEGLIE DI NUOVO SALA/ A Vigevano il sindaco uscente Andrea Sala (La strada per Milano, Lega Nord, Agorà, FdI, Progetto nazionale) si conferma con il 60,5% dei voti, superando Valerio Bonecchi (39,46%, Pd, Per Vigevano, Semplici cittadini)

SEGRATE/ Malgrado la parata di vip per Segrate, dalla Boschi ad Ambrosoli, Micheli ha dovuto attendere fino all’ultima scheda per poter cantar vittoria. Finisce così: Paolo Giovanni Micheli (centrosinistra) 50,22% e Tecla Carla Maria Fraschini (centrodestra) 49,72%.

COLOGNO/ Una manciata di voti ha deciso anche il sindaco di Cologno Monzese: tra Angelo Rocchi (centrodestra) e Alessandro Del Corno (centrosinistra), vince il primo con il 51,86% dei voti.

BOLLATE-VOGHERA/ A Bollate tra Francesco Vassallo (centrosinistra) e Stefania Clara Lorusso (centrodestra) la vittoria va invece al primo, con il 54,42% dei voti e a Voghera tra Carlo Barbieri (centrodestra) e Aurelio Torriani (centrosinistra) uno scarto dello 0,4 per cento dà la vittoria al centrodestra (definitivo: 50,04 contro 49,96. Undici voti di scarto).

SARONNO-SEREGNO/ Infine, le ultime due partite, quelle di Saronno e Seregno. Le due cittadine hanno visto la riconferma dell’asse di centrodestra. A Seregno vince Edoardo Mazza, 38 anni, con il 53,65% contro l’esponente di centrosinistra William Viganò (46,35%). A Saranno Alessandro Fagioli è arrivato a quota  (59,21%) contro il 40,79 del suo avversario , Francesco Licata.

Tags:
lombardiaballottaggileccomantova







A2A
A2A
i blog di affari
"Unite civilmente, se una delle due morisse a chi va l'eredità?"
di Avv. Violante Di Falco *
De Donno, eroe della medicina democratica che non piaceva ai potenti D. FUSARO
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.