A- A+
Milano
Bando moschee, il Comune fa slittare tutto di un mese
Festa di fine Ramadan all'Arena civica di Milano

Un mese di proroga per le comunità religiose che vorranno partecipare alla procedura bis per l'assegnazione di spazi da trasformare in luoghi di culto. Questo quanto proposto dal vicesindaco Anna Scavuzzo all'assessore all'Urbanistica Pierfrancesco Maran, che ha accolto la richiesta. "Estendere i termini è una scelta necessaria per consentire a tutte le comunità religiose di capire la procedura – ha affermato –. Procederemo a nuovi incontri. La durata della proroga? Un mese circa".

Secondo quanto riporta il quotidiano Il Giorno, l'obiettivo dell'Amministrazione è evitare che alla scadenza originale del 12 settembre non si presenti nessuno, complicando ulteriormente l'iter di una partita delicata e tormentata, dopo la revoca del bando-moschee lanciato a suo tempo dalla Giunta Pisapia. Revoca accolta con grande delusione dalle comunità islamiche, cui si aggiunge ora per l'Amministrazione comunale l'obbligo di approntare un "piano per le attrezzature religiose" sulla scia di quanto nel frattempo deliberato da Regione Lombardia. E se per dotarsi di questo strumento occorrerà almeno un anno, nel frattempo l'Amministrazione si prepara ad accogliere le segnalazioni delle comunità religiose interessate circa le aree coinvolte. Ma dando loro almeno un mese in più di tempo per fornire la documentazione.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bando moscheebando luoghi di cultoanna scavuzzopierfrancesco maran






A2A
A2A
i blog di affari
Meglio praticare sport o fare una dieta?
Anna Capuano
A Kabul di scena il male dei talebani
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Green Pass, ottenere uno Stato totalitario instaurando un regime terapeutico
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.