A- A+
Milano
Beccaria, finita la fuga dei sette evasi: uno lo ha accompagnato Majorino
Evasione al carcere minorile Beccaria di Milano

Beccaria, gli ultimi due evasi trovati a casa di un conoscente in Brianza

Sono stati rintracciati e presi anche gli ultimi due dei sette evasi dal carcere minorile di Milano 'Cesare Beccaria. Erano insieme in un appartamento di un conoscente in provincia di Monza Brianza. A trovare il 18enne e il 17enne, compagni di cella nell'istituto di via dei Calchi Taeggi, sono stati gli agenti del nucleo investigativo regionale della Polizia Penitenziaria.

Beccaria, il quinto evaso accompagnato in Questura da... Majorino

Il quinto dei sette ragazzi evasi dal carcere minorile Beccaria di Milano il giorno di Natale si era costituito presso la questura di Milano in via Fatebenefratelli nella serata di ieri, mercoledì 28 dicembre. E' un giovane di 19 anni ed è stato arrestato dagli agenti della Squadra mobile.  L'autorità giudiziaria ha disposto il giudizio per direttissima. Ad accompagnare in questura il giovane, riferisce Repubblica, è stato Pierfrancesco Majorino, candidato del centrosinistra alle elezioni lombarde. L'eurodeputato, che in passato è stato assessore al Welfare del Comune di Milano, è stato contattato da una donna residente in provincia di Milano, che conosceva il giovane e voleva convincerlo a costituirsi. Con l'intermediazione di Majorino che ha contattato la questura il giovane è stato infine accompagnato e preso in consegna dagli agenti.

Majorino: "Evaso dal Beccaria? Ho fatto una cosa piccolissima"

“Io ho fatto una cosa piccolissima. Ho solo messo in contatto una signora, che era a sua volta in contatto con chi si voleva costituire, con la Questura. Ho fatto quello che avrebbero fatto tutti”. Così il candidato per il centrosinistra alle regionali lombarde, Piefrancesco Majorino, a margine dell’annuncio della candidatura del capogruppo di +Europa in Regione, Michele Usuelli, con la lista civica Piefrancesco Majorino Presidente, tornando sul suo ruolo nel convincere uno dei ragazzi evasi dal carcere minorile Beccaria a presentarsi in Questura. “Resta molto pesante il contesto carcerario sia in relazione a ciò che riguarda il Beccaria sia il sovraffollamento e il funzionamento non sempre efficace delle carceri - ha sottolineato poi - . Questo deve essere l’impegno che chiama in causa tutte le istituzioni senza differenze di parte: serve impegno totale per far sì che luoghi del genere siano dignitosi e gli agenti totalmente sostenuti”.

Beccaria, Uilpa: "Non cali il sipario rispetto ai problemi dei penitenziari"

Gennarino De Fazio, segretario generale della Uilpa Polizia Penitenziaria, commenta. "Come al solito, anche questa volta, il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia penitenziaria, localizzando e mettendo fine alle 'vacanze di Natale' anche degli ultimi due evasi dal Beccaria che mancavano all'appello, ci ha messo una pezza. Ma non e' tutto bene quel che finisce bene - commenta il sindacalista -. Ora che tutte e sette i fuggiaschi sono rientrati in carcere, auspichiamo che non cali il sipario sull'attenzione della politica rispetto ai problemi dei penitenziari, che restano intatti".

Ostellari (Lega): "Beccaria, ora concludere il cantiere"

"Ringrazio chi ha collaborato, a partire dalla Polizia Penitenziaria, dal Nic, dalle altre Forze dell'ordine e da quanti si sono adoperati in questi giorni. Ora l'impegno deve essere profuso per chiudere il prima possibile il cantiere interno all'Istituto e per garantire che l'esecuzione della pena per i minori sia dignitosa, punti alla rieducazione e non abbia solo le forme di un castigo". Cosi' il senatore leghista, Andrea Ostellari, sottosegretario alla Giustizia.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
beccariacarcereevasievasionemilano






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.