A- A+
Milano
Beirut, Caritas Ambrosiana lancia una raccolta fondi

Beirut, Caritas Ambrosiana lancia una raccolta fondi

In seguito alla devastante esplosione nel porto di Beirut avvenuta il 4 agosto, Caritas Ambrosiana lancia una raccolta fondi e stanzia un primo contributo di 20mila euro per sostenere gli aiuti alla popolazione. A Beirut erano presenti anche due volontarie del servizio civile all'estero che fortunatamente, pur avendo subito gravi danni alla loro abitazione, sono incolumi e stanno bene. Dal giorno dopo la tragedia che ha ferito la capitale del Paese dei cedri, la Caritas Libano ha iniziato degli interventi di emergenza. Ha distribuito 2.300 pasti caldi alle famiglie vulnerabili in tende di emergenza dove fornisce anche pronto soccorso medico e psicologico. Ha attivato numeri verdi per facilitare le richieste di assistenza e coordinare i volontari. Ha dotato gli operatori impegnati nel campo di dispositivi di protezione individuale e di mascherine per proteggersi dal Covid 19 ma anche dalla tossicita' dell'atmosfera. Nel frattempo sta gia' allestendo le cliniche mobili accanto alle tende ed e' pronta a lanciare un piano a lungo termine per la distribuzione dei kit alimentari e igienici.

"Siamo profondamente addolorati per quello che e' accaduto e in segno di vicinanza vogliamo sostenere i tanti operatori della Caritas Libano alla quale ci lega una relazione di amicizia che dura da anni", dichiara Luciano Gualzetti, direttore di Caritas Ambrosiana. Gli operatori sul campo parlano di una scena apocalittica. La devastante esplosione nel porto di Beirut prodotta dall'innesco di circa 2.700 tonnellate di nitrato di ammonio confiscato ha causato la morte di oltre 100 persone e il ferimento di oltre 4.000 persone. Ma la ricerca e' ancora attiva per il ritrovamento di altri sopravvissuti e vittime. La detonazione ha fatto crollare balconi, ha frantumato finestre e ha divelto i mattoni dagli edifici. Secondo gli esperti il tragico evento e' paragonabile a un terremoto di magnitudo 4,5. Il boato e' stato avvertito anche a 150 miglia di distanza nella vicina isola di Cipro. Ospedali e medici stavano gia' segnalando la carenza di forniture mediche vitali come anestetici, farmaci e punti di sutura molto prima dell'esplosione. Erano gia' in grande difficolta' per riuscire a pagare il personale sanitario e stavano lavorando per far arrivare dall'estero nuove attrezzature.

Molti ospedali respingevano casi non critici per risparmiare risorse. In seguito all'esplosione, almeno 4 ospedali sono stati colpiti, compreso l'ospedale St George, uno dei piu' grandi della citta'. E' stato cosi' gravemente danneggiato che ha dovuto chiudere e spostare i pazienti in altri ospedali. Scene caotiche e molti feriti sono stati allontanati e trasferiti negli ospedali fuori Beirut. Anche il personale medico e' stato ferito, almeno 4 infermieri sono morti e cinque medici sono stati feriti. L'esplosione li ha colti mentre stavano curando i pazienti sui marciapiedi delle strade. Insicurezza nazionale Il Libano che ha subito un forte aumento dell'inflazione dei prezzi dei prodotti alimentari sta registrando enormi problemi alimentari. La disponibilita' di cibo nel Paese e' ad alto rischio soprattutto dopo che l'esplosione ha danneggiato due depositi di grano che erano fondamentali per garantire le forniture. Questa esplosione avra' effetti a lungo termine sulla precaria sicurezza alimentare del Libano. Inoltre il grano immagazzinato nei depositi intorno al porto potrebbe essere contaminato e quindi inutilizzabile. Per sostenere gli interventi di emergenza on line su www.caritasambrosiana.it, oppure in posta c.c.p. n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus - Via S. Bernardino 4 - 20122 Milano.

Loading...
Commenti
    Tags:
    beirutcaritas ambrosianaraccolta fondi











    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Si metta in lockdown chi ha paura e può vivere senza lavorare
    Giampaolo Giorgio Berni Ferretti presenta il suo libro MILANOVENTUNOPUNTOZERO
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Covid, serietà? Non è la prerogativa che più si può predicare degli italiani


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.