A- A+
Milano
Borghi (FederModaItalia): "Lockdown c’è o vale solo per i negozi di moda?"
Renato Borghi

Borghi (FederModaItalia): ma il lockdown c’è davvero? O vale solo per i negozi di moda

(IMPRESE-LAVORO.COM) Milano – “Oggi, 6 novembre, sono entrate in vigore le prescrizioni del DPCM del 3 novembre 2020. Eppure, muovendosi a Milano - afferma Renato Borghi, Presidente di Federazione Moda Italia-Confcommercio e Federmoda Milano - si percepisce lo stesso movimento di ieri. Non vorrei che le persone avessero preso le disposizioni del Decreto del Presidente del Consiglio con una certa leggerezza, non consapevoli della gravità della situazione. E comunque sarebbe opportuno effettuare molti controlli. Sono aperti tabaccai, profumerie, ferramenta, negozi di elettronica, librerie, edicole, fiori e piante, concesssionari ecc...ecc... Sono chiusi solo pubblici esercizi e negozi di abbigliamento e calzature. Mi domando allora se queste disposizioni siano state introdotte per la tutela della salute pubblica o, per eterogenesi dei fini, per far chiudere definitivamente i soli negozi di moda”, conclude Borghi. (imprese-lavoro.com)

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    renato borghifedermodaitalialockdownzona rossamilano






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
    I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
    Boschiero Cinzia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.