A- A+
Milano
Borseggiatrici rom incinte: questa volta scatta il carcere

Tre anni di carcere: questa volta il giudice ha stabilito di non sospedere la pena per la "banda delle mamme rom", borseggiatrici professioniste già più volte in passato colte sul fatto e condannate ma che hanno sempre evitato la reclusione perchè incinte o con figli piccoli a carico. Ma il reiterarsi di reati ha indotto un cambio di rotta in Tribunale nei confronti di quattro donne fermate lo scorso 23 luglio nei pressi della stazione Centrale, dopo che avevano derubato una turista di Hong Kong.

Tags:
romborseggiatricitribunale milano







A2A
A2A
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.