A- A+
Milano
Botte da orbi in Procura: Bruti "licenzia" Robledo

Il procuratore della Repubblica Edmondo Bruti Liberati si è autoassegnato il ruolo di capo del pool anticorruzione, togliendo la delega ad Alfredo Robledo, con il quale è in corso un contenzioso davanti al csm. Bruti Liberati, cui spetta l'assegnazione delle deleghe, ha provvisoriamente assegnato Robledo al pool esecuzione pene.

Da quanto si apprende da fonti giudiziarie, Bruti Liberati ha esercitato legittimamente un suo potere come previsto dalle normative in materia. Potere che però non è mai stato esercitato in questo modo da un suo predecessore. Inoltre viene sottolineato dai suoi colleghi che Robledo non ha alcuna esperienza di esecuzione penale, materia estremamente complessa, tecnica e difficile al punto che la prassi a Milano, quando si prevede di assegnare un magistrato all'ufficio esecuzione penale, è sempre stata quella di mandarlo per sei mesi a far pratica prima dell'assegnazione ufficiale.

Tags:
bruti liberatirobledo







A2A
A2A
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.