A- A+
Milano
Brianza, sequestrati 200 chili di hashish

Due cittadini marocchini, con regolare permesso di soggiorno, sono stati arrestati nei giorni scorsi, ma la notizia si e' appresa solo oggi, dalla polizia di Stato, per detenzione ai fini di spaccio di droga di quasi 200 chili di hashish. L'arresto e' arrivato in seguito ad un inseguimento effettuato da una pattuglia della Polizia Stradale di Seregno (MB), durante un servizio di vigilanza stradale. L'inseguimento e' iniziato a Sesto San Giovanni, in provincia di Milano, quando il conducente di una Fiat Multipla ha ignorato l'alt degli agenti ed e' fuggito a gran velocita' verso il centro abitato di Bresso. La pattuglia, pero', si e' messa al suo inseguimento e lo ha bloccato a Bovisio Masciago, in provincia di Monza e Brianza.

Il conducente dell'auto era un 43enne marocchino, senza impiego fisso ed incensurato. Il controllo dell'autovettura, di proprieta' di un cittadino estraneo ai fatti, ha consentito di rinvenire un grosso quantitativo di hashish (30 panetti da un chilogrammo), occultato all'interno di un trolley e di uno zaino posti nel portabagagli dell'auto. L'uomo e' stato immediatamente arrestato e gli sono state sequestrate anche banconote per un valore di 650 euro, un telefono cellulare e varie sim. Le indagini hanno consentito di individuare il domicilio dell'arrestato a Cesano Maderno (MB), dove sono stati rinvenuti altri 169 panetti di hashish e banconote per un valore di 11.000 euro. Nell'occasione e' stato arresto, sempre per detenzione ai fini di spaccio, l'altro occupante dell'appartamento, un cittadino marocchino di 37 anni. I due arrestati sono stati trasferiti presso la casa circondariale di Monza. L'operazione ha portato al sequestro di 199 kg di hashish, per un valore approssimativo di circa un milione di euro, oltre al sequestro di circa 12.000 euro.

Tags:
brianza







A2A
A2A
i blog di affari
Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN
Green pass obbligatorio, infame pratica ideologica e non scientifica
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.