A- A+
Milano
Buccinasco, il boss Papalia rivuole tutta la sua villetta. "Via i 6 profughi"

PAPALIA RIVUOLE LA SUA CASA DI BUCCINASCO PER INTERO

Il boss si lamenta. Come racconta Cesare Giuzzi sul Corriere Milano, Rocco Papalia, uscito mesi fa dal carcere dopo 26 anni di detenzione, ha varcato la porta del municipio di Buccinasco per chiedere di riavere il "suo" cortile di casa. Papalia, che si è presentato in comune da uomo liber anche se per il Tribunale è socialmente pericoloso e i magistrati lo hanno sottoposto alla sorveglianza speciale..

Metà della casa di Papalia, spiega sempre il Corriere, è stata confiscata dallo Stato alla figlia di Papalia, Serafina, e al marito Salvatore Barbaro, condannato per associazione mafiosa (anche se ancora non in via definitiva). In quella parte di casa vivono sei profughi minorenni arrivati dal Centro Africa e ospitati dall’associazione Villa Amantea e dai loro "genitori adottivi".

Papalia rivuole la sua casa per intero. Mercoledì pomeriggio un viceprefetto, un responsabile dell’Agenzia dei beni confiscati, il sindaco Pruiti, i rappresentanti dell’Amministrazione comunale, i vigili e i carabinieri hanno effettuato un sopralluogo in via Nearco per analizzare da vicino la questione. La risposta arriverà tra alcune settimane.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
buccinascoboss papalia






A2A
A2A
i blog di affari
Ddl Zan, e se un ragazzo dicesse di essere un coccodrillo?
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Ddl Zan affossato, la proposta liberticida coerente con il pensiero unico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
di Maurizio De Caro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.