A- A+
Milano
Calcio, Procura di Milano indaga sui diritti tv

La Procura di Milano indaga sui presunti costi gonfiati nell'acquisto dei diritti tv del calcio con l'ipotesi di reato di ostacolo alla vigilanza dell'Antitrust. Lo ha confermato il procuratore Edmondo Bruti Liberati in relazione all'anticipazione pubblicata da 'Repubblica' nei giorni scorsi. Gli inquirenti mantengono uno stretto riserbo perche', viene spiegato, le indagini sono in una fase iniziale e delicata. Al momento, non e' ancora chiaro se l'inchiesta riguardi anche aspetti relativi alla cessione del 48% del Milan al magnate Bee Taechaubol. Sul tema oggi Niccolo' Ghedini, legale 'storico' di Silvio Berlusconi, ha incontrato il procuratore Edmondo Bruti Liberati e il procuratore aggiunto Giulia Perrotti, capo del dipartimento reati contro la pubblica amministrazione. Ghedini si e' limitato a rispondere con un 'no comment' alle domande dei cronisti su quali aspetti della vicenda siano stati trattati in particolare coi magistrati.

L'inchiesta della Procura di Milano ruoterebbe attorno all'ipotesi di un "cartello occulto" promosso dai grandi club per accaparrarsi la fetta piu' consistente dei diritti Tv per i campionati di serie A del triennio 2015-1018. Di qui, l'accusa di ostacolo all'autorita' di vigilanza (e non aggiotaggio, come scritto in precedenza). A maggio, l'Antitrust aveva disposto il sequestro nella sede della Lega Calcio di documenti relativi all'assegnazione dei diritti. L'autorita' per la tutela della concorrenza ha aperto un'istruttoria nei confronti di Sky Italia, Rti-Mediaset, Infront Italy e della Lega Serie A per "verificare se siano intervenuti 'accordi spartitori' fra Sky e Mediaset". Nell'inchiesta coordinata dai pm Pellicano e Polizzi sarebbero finiti anche gli sviluppi dell'indagine sul barone Filippo Dollfus de Volkesberg, arrestato in Svizzera a maggio con l'accusa di avere messo in piedi una "holding del riciclaggio" con conti correnti cifrati per imprenditori italiani di primo piano e per soggetti che volevano nascondere soldi frutto di reati.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
edmondo bruti liberaticalciodiritti tvniccolò ghedini






A2A
A2A
i blog di affari
Draghi, l’Ue e il neoliberismo che uccide la classe operaia
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Zaino sospeso: l'iniziativa continua
Vaccino, Camilla Canepa morta: cade la formula "nessuna correlazione"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.