A- A+
Milano

Camici, la procura non si arrende: "Processate Attilio Fontana"

 "Ribadisco la richiesta di rinvio a giudizio" in quanto "l'atto d'appello della procura è condivisibile" e, nell'ottica della legge Cartabia, "trattandosi di un processo in gran parte documentale, c'è una ragionevole previsione di condanna". Nel suo intervento lampo, il sostituto pg di Milano Massimo Gaballo, davanti alla Corte d'Appello ha insistito con la richiesta di processo per il presidente della Lombardia Attilio Fontana e altri quattro indagati, tutti già prosciolti in udienza preliminare per il cosiddetto "caso camici".

Lo scorso 13 maggio, il gup Chiara Valori aveva emesso sentenza di "non luogo a procedere perché il fatto non sussiste"

Lo scorso 13 maggio, il gup Chiara Valori aveva emesso sentenza di "non luogo a procedere perché il fatto non sussiste" per il governatore, il cognato Andrea Dini, titolare di Dama spa e stamane presente in aula, per Filippo Bongiovanni e Carmen Schweigl, ex dg e dirigente di Aria, centrale acquisti regionale, e per Pier Attilio Superti, all'epoca vicesegretario generale della Regione. Nell'atto di impugnazione la Procura sostiene che la presunta frode nella pubblica fornitura contestata a tutti ha avuto "l'esito di posporre l'interesse pubblico" ad "interessi privati convergenti degli imputati" e il tutto nel "pieno della pandemia da Covid". Quindi, in quei giorni, per i pm, si sarebbe preferito "anteporre la salvaguardia dell'immagine politica" di Fontana - che ha sempre respinto le accuse - rispetto alla necessità di completare la procedura che avrebbe garantito agli operatori sanitari 75 mila camici e altri dispositivi di protezione.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
attilio fontanacamiciprocessoprocura







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.