A- A+
Milano
Camionista scomparso: corpo nel Ticino, due fermi a Vigevano

Camionista scomparso: corpo nel Ticino, due fermi a Vigevano

E' stato ucciso "con pugni, calci e con l'utilizzo di uno strumento da muratore comunemente denominato mazzetta" Filippo Incarbone, il muratore scomparso da Vigevano (Pavia) dall'inizio di gennaio. Lo si legge nel provvedimento di fermo a carico dei due indagati ora in carcere che poi ne avrebbero buttato il corpo nel fiume Ticino.

La scorsa notte i carabinieri hanno sottoposto a fermo due uomini residenti nella citta' ducale, uno di 43 e l'altro di 31 anni, indiziati per l'omicidio di Incarbone e la distruzione di cadavere.

Un omicidio che, secondo quanto emerso dalle indagini dei carabinieri di Vigevano, coordinati dal pm Paolo Mazza e dal procuratore Mario Venditti, sarebbe legato a un "debito verosimilmente riconducibile all'acquisto di stupefacenti" e alla vicenda di un incidente stradale, causato da uno dei due fermati, ma che la vittima era stata costretta a denunciare, fingendo di essere il conducente al posto suo. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    camionista scomparsocorpoticinodue fermivigevano






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    "No Green Pass esclusi dalla vita sociale come se non fossero cittadini"
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Caso Beccaglia: "Io, donna e medico, dico che non è violenza sessuale"
    Cancellare il Natale? Un modo per turbare l'identità altrui
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.