A- A+
Milano
Candidata musulmana del Pd minacciata da sito islamico estremista
Sumaya Abdel Qader

“Candidarsi per incarichi pubblici di uno Stato che non applica la Sharia significa riconoscere la legittimità di questo Stato, e questo porta automaticamente fuori dall'Islam!”. Questa l'accusa indirizzata a Sumaya Abdel Qader, musulmana candidata nelle liste del Pd al consiglio di Milano. La 'sentenza' giunge, come riporta il sito de L'Espresso, dalla pagina facebook "Cronache islamiche - informazione islamica", che conta oltre 4mila 'mi piace'. Messaggio preoccupante, perchè l'accusa di essere apostata potrebbe suonare come una indiretta minaccia di morte.

Il post è firmato Ibrahim al-Gharib, che prosegue: "Per i Musulmani l'unico governo legittimo è il Governo della Sharia, eppure nonostante ciò molti si compiacciono quando sedicenti "musulmani" si candidano per incarichi pubblici nelle istituzioni dei Taghut (oppressori), le stesse istituzioni che applicano leggi contrarie alla Legge di Allah e che perseguitano i musulmani che invitano al tawhid (unificazione) e alla Sharia. Candidarsi a incarichi di uno Stato islamicamente illegittimo significa riconoscere la legittimità di questo Stato!" La donna ha segnalato il post alla Digos, e sta ricevendo numerosissimi attestati di solidarietà.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
sumaya abdel qaderelezioni milanosharia






A2A
A2A
i blog di affari
Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Violenza donne, la maratona radiofonica che dà voce alla lotta agli abusi
L'opinione di Tiziana Rocca


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.